F1 | Ross Brawn delinea il piano “Biosfera” per la ripartenza del mondiale

L’amministratore delegato della Formula 1 Ross Brawn ha delineato i piani per creare una “biosfera” per iniziare la stagione 2020 con gare consecutive in Austria.Brawn piano Biosfera ripartenza mondiale

Brawn piano Biosfera ripartenza mondiale

Con l’inaugurazione delle 10 gare del 2020 a causa dell’attuale pandemia di COVID-19, la F1 punta a iniziare la stagione con il Gran Premio d’Austria il 5 luglio, correndo a porte chiuse.Brawn piano Biosfera ripartenza mondiale

Il piano della F1 è di tenere ancora tra le 15 e le 18 gare quest’anno , iniziando con una serie di turni europei durante l’estate prima di trasferirsi in Asia e nelle Americhe in ottobre e novembre. La stagione si concluderà quindi con i round del Medio Oriente in Bahrain e Abu Dhabi a dicembre.Brawn piano Biosfera ripartenza mondiale

Alcuni dei primi eventi come l’Austria dovrebbero diventare double-headers, gareggiando sulla stessa pista in più fine settimana consecutivi.

Parlando sul podcast della F1 Nation, Brawn ha fornito ulteriori dettagli sui piani per la gara in Austria:Brawn piano Biosfera ripartenza mondiale

“Una delle sfide logistiche è far testare e autorizzare tutti a entrare nel paddock ed accedere nell’ambiente delle corse. Penso che una volta ideato nel dettaglio questo aspetto, sarà molto importante mantenere tutti in questa sorta di “Biosfera”che vogliamo creare per proteggere tutti i partecipanti. È anche piuttosto impegnativo trovare presto il giusto tipo di gare in cui possiamo controllare abbastanza bene l’ambiente.”

“L’Austria si adatta molto bene sotto questo punto di vista. Ha un aeroporto locale proprio accanto al circuito, dove le persone possono noleggiare aerei. Inoltre non è troppo vicino a una metropoli ed ha una grande infrastruttura attorno. Non ci saranno camper, ma ci sarà una struttura di ristorazione completa di cui dispone il circuito. Possiamo praticamente contenere tutti all’interno di quell’ambiente. Quindi una volta lì, ecco spiegato perché è molto allettante avere un’altra gara la settimana successiva.”

Brawn ha dichiarato che la F1 sta affrontando una “massiccia sfida logistica” per tenere le gare mentre restavano in vigore le restrizioni sui viaggi e sul sociale, ma ha ritenuto importante avviare la stagione sia per i fan che per lo sport in generale:

“Stiamo lavorando per soddisfare tutti i requisiti ed assicurarci di operare in un ambiente sicuro per i piloti, ingegneri, tecnici e per tutti coloro che sono coinvolti nella gara. Contemporaneamente però stiamo organizziamo il giusto tipo di spettacolo. Sfortunatamente è confermata l’assenza dei fan, il che è un vero peccato, ma sentiamo ancora che possiamo portare la gara a tutti tramite la TV e gli altri mezzi. È importante per noi cercare di far partire la stagione. Un motivo è ovviamente quello di rendere felici gli appassionati, giustamente frustrati dai ritardi. Abbiamo davanti a noi una stagione molto eccitante. Inoltre la F1 è fonte di sostentamento importante per migliaia di persone. Questo è un altro motivo per cercare di dare bandiera verde il prima possibile”.

Ti piacerebbe scrivere news o approfondimenti sulla F1, MotoGP o qualsiasi altra categoria motoristica?
F1inGenerale è alla ricerca di nuovi editori.Clicca qui per info

 

Seguici anche sui social:
Telegram Facebook Twitter Instagram 

 

F1 | 1994-2020, ventisei anni senza Ayrton. E non è più domenica

mm

Matteo Quattrocchi

Studente presso L’Università degli Studi di Pavia, fotografo amatoriale e amante dei motori da sempre. Tutte le foto le trovate su: https://mattyq3299.wixsite.com/mqphotography