F1 | Ross Brawn e la disfatta Ferrari: “Il problema sono stati gli pneumatici”

Ross Brawn, ex direttore tecnico della Ferrari, ha parlato delle difficoltà riscontrate dal Cavallino durante il GP del Belgio. Secondo l’ingegnere inglese il problema principale del team italiano sono stati proprio gli pneumatici che non hanno funzionato come dovevano e hanno reso la prestazione a dir poco imbarazzante…

Ross Brawn Ferrari
Ross Brawn – Foto: Autosport

“Per Sainz andare in Ferrari sicuramente era un sogno, adesso però per come si sono messe le cose non credo sia molto tranquillo” a parlare è Ross Brawn, in un articolo sul sito ufficiale della F1 in cui dice la sua sulle attuali prestazioni della Ferrari.

Il pessimo risultato ottenuto domenica, durante il GP del Belgio, infatti, ha lasciato inevitabilmente il segno. Tredicesimo Vettel, quattordicesimo Leclerc dopo due pit stop decisamente troppo lenti e problemi tecnici che hanno fatto innervosire il pilota monegasco.

Un risultato pessimo che evidenzia ancora di più le già conosciute difficoltà del team italiano. Sul tracciato di Spa, che richiede velocità ed elevata efficienza aerodinamica, infatti le due monoposto del Cavallino hanno peccato su entrambi i fronti.

Una delusione che diventa ancora più scottante se si pensa che questo fine settimana la Formula Uno farà tappa a Monza, il “tempio della velocità” e gara storica soprattutto per la Ferrari. A dire la sua sulle difficoltà che sta affrontando il team italiano è stato anche Ross Brawn.

Secondo l’ingegnere inglese, ex direttore tecnico della Ferrari negli anni d’oro delle vittorie di Schumi, uno dei problemi del team di Maranello sono stati proprio gli pneumatici.

“Capisco quello che ha vissuto la Ferrari perché anche io quando ero nel team ho vissuto una situazione molto simile. Se gli pneumatici non arrivano in temperatura e non funzionano nella maniera giusta, la prestazione diventa terribile” ha spiegato Brawn.

“Il problema non è stato solo il motore. E’ impossibile perdere 1”3 al giro solo a causa del motore. Credo che la difficoltà maggiore siano state proprio le gomme. La performance è sembrata così scadente perché, anche per via del freddo, le gomme non hanno funzionato come dovevano”

“La cosa fondamentale, dunque, per loro è riuscire a risolvere questo problema. Se ce la fanno credo che la performance sarà migliore. Certo non ci possiamo aspettare delle vittorie ma sarà sicuramente meno deludente” ha concluso l’ex Ferrari

Seguici su Telegram, FacebookInstagramTwitter.

F1 | GP Italia 2020 – Anteprima Pirelli: “Per la prima volta ci sarà un back-to-back in Italia”