F1 Rumour | La nuova proposta per il format dei weekend con le gare sprint

La F1 si appresta a introdurre le Gare Sprint in 3 Gran premi nel 2021: le ultime indiscrezioni sul format del weekend

F1 Gare Sprint
Credits Facebook Autodromo di Monza

Il 2021 sarà un anno di transizione per la F1, e la FOM ne ha approfittato per riuscire, dopo molti passaggi allo Strategy Group, a introdurre le Gare Sprint.

La proposta circolò già nel 2019, e un primo tentativo, respinto all’epoca dalla Mercedes, fu fatto per l’introduzione nel 2020. All’epoca si parlava di griglia invertita (rispetto alla classifica del campionato) per una gara breve al Sabato, al posto delle qualifiche. La gara breve avrebbe determinato la griglia del GP; in un tentativo di spezzare i domini e creare gare entusiasmanti.

Nel corso dell’inverno invece il team di Ross Brawn ha lavorato a un format meno controverso, che prevede una griglia formata dalle qualifiche al Venerdì. Questo approccio è stato approvato da tutti i team, mentre alcuni piloti, sopratutto Ricciardo, e il CEO WIlliams Capito sono stati più critici.

Il programma del weekend con la gare sprint F1

Questo format di gara, anticipato da Fabrega, sarà sperimentato al GP di Gran Bretagna a Silverstone, poi al GP d’Italia a Monza e infine a Interlagos. Se l’esperimento avrà successo, ci si aspetta un’espansione di questo format nel 2022.

  • Venerdì
    • FP1
    • Qualifiche classiche (Q1, Q2, Q3)
    • Parco chiuso al termine
  • Sabato
    • Prove libere 2
    • Gara sprint di 100 km
      • Scelta libera della mescola iniziale
      • Griglia determinata dalle qualifiche
      • Punti assegnati ai primi 3 (3-2-1)
  • Domenica
    • Gran Premio
      • Scelta libera della mescola iniziale
      • Griglia determinata dalla Gara Sprint
      • Punteggio come quello in vigore (25 punti al vincitore + 1 punto per il giro veloce)

Quindi i team avranno a disposizione forse 90 minuti di prove libere, in un’uncia sessione, prima di entrare nel parco chiuso al termine delle qualifiche. Tuttavia la scelta delle mescole di partenza sarà libera, sia per la gara sprint che per il GP, rimuovendo un possibile vantaggio per i top team, ma anche un fattore d’interesse per le Q2.

Il punteggio assegnato alla gara sprint potrebbe invece interessare i protagonisti del campionato, specie se Max verstappen e la Red Bull saranno davvero vicini ad Hamilton e la Mercedes.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Francesco Ghiloni

Studente universitario di Chimica e grande appassionato di motorsport, specialmente di endurance.