F1 | Russell: “Non metterò mai i miei obiettivi davanti a quelli della squadra”

Mentre si fanno più insistenti le voci del passaggio di Russell in Mercedes nel 2022, il pilota inglese dimostra di essere un uomo squadra, spiegando che non metterebbe i suoi obiettivi personali davanti all’interesse del team. Nell’ultimo Gran Premio ha dimostrato che non fossero solo parole.

russell squadra
Credits Russell Facebook

George Russell dice che sarà sempre un uomo squadra in Formula1, indipendentemente dalle sue ambizioni personali o da chi potrebbe essere il suo compagno di squadra in futuro.

Queste dichiarazioni di Russell sembrano un avviso a Mercedes. Tra poche Mercedes scioglierà il dubbio su chi correrà al fianco di Lewis Hamilton nel la prossima stagione.

Solo Russell e l’attuale Valtteri Bottas sono in lizza per la guida. Stanno aumentando le voci che e Russell, dopo l’ apprendistato di tre anni alla Williams, sarà alla guida di una Mercedes.

Molti credono l’arrivo di Russell possa portare a un costoso sconvolgimento dell’atmosfera pacifica ed equilibrata che prevale alla Mercedes dal 2017, primo anno da compagni di sqaudrra per  Hamilton e Bottas.

Mettere l’ambizioso e talentuoso Russell dall’altra parte del garage della squadra di Brackley potrebbe rischiare di innescare il livello di tensione e rivalità sofferto dal team durante i giorni di Hamilton e Nico Rosberg, quando giochi e punti di infiammabili tra i due compagni hanno fatto fare notti insonni a Wolff.

Le dichiarazioni di George Russell

In Ungheria, Russell è stato interrogato sul suo futuro e sulle probabilità del suo passaggio  alla Mercedes. Il 23enne ha avuto un messaggio chiaro per il suo potenziale futuro team.

Le mie ambizioni e i miei obiettivi sono incredibilmente chiari. Voglio diventare il campione del mondo di F1“, ha detto. “Ma non metterei mai la mia agenda o i miei obiettivi al di sopra della squadra, indipendentemente da chi sia il mio compagno di squadra”.

“Questo è lo stesso qui con Williams ora. Non farei mai nulla per danneggiare il mio rapporto con il mio compagno di squadra. Riconosco che per poter raggiungere gli obiettivi, si ha bisogno che la squadra sia operativa su tutti i fronti. Lo spirito di squadra e la dinamica devono essere al top per essere in grado di raggiungere gli obiettivi della squadra. Se la squadra raggiunge l’obiettivo, allora come pilota hai una possibilità. Non metto mai o miei obiettivi al di sopra di quelli della squadra.

Il precedente nel Gran Premio di Ungheria

Uomo di parola, Russell ha avuto la possibilità di dimostrare la sua integrità come uomo di squadra in Ungheria quando, nelle prime fasi della gara, ha fatto un team-radio alla sua squadra e si è offerto di compromettere la sua corsa a beneficio del compagno di squadra Nicholas Latifi che era in una posizione migliore, quindi aveva la possibilità di segnare un grande bottino di punti cruciali per Williams.


Leggi anche: F1 | Alfa Romeo: “Possiamo ancora battere la Williams”


Sapevo che Nicholas si trovava in terza posizione. Sapevo che se fosse tornato a casa con una P3 o una P4, quei 15 o 12 punti sarebbero stati assolutamente sufficienti per sigillare P8 in campionato. L’ho sempre detto. Metterò l’interesse della squadra al di sopra del mio. Alla fine sono un giocatore del team e voglio che noi come squadra puntiamo al maggior numero possibile di punti”.

Alla fine, entrambi i piloti sono arrivati in zona punti, raccogliendo dieci punti che hanno permesso alla Williams di strappare la P8 nella classifica costruttori.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Victoria L.

Lavoro come account in una web agency. Appassionata di Formula 1 e tifosa della Ferrari da quando vidi il Gran Premio di Jerez del 1997.