A TCFormula 1

F1 | Russell urla in mezzo alla pista: il team radio è spaventoso – GP Australia

Russell, che paura: dopo l’incidente George rimane bloccato in mezzo alla pista, il team radio dell’inglese in Australia è spaventoso.

È in corso l’ultimo giro del Gran Premio di Melbourne. Sainz e la Ferrari sono pronte a stappare la bottiglia buona, ma una Virtual Safety Car prolunga la corsa. Le telecamere indugiano sulla Mercedes di Russell coinvolta in un incidente: il team radio dell’inglese è da paura.

video incidente russell australia team radio mercedes
2024 Australian Grand Prix, Saturday – Jiri Krenek

Fernando Alonso occupa la sesta posizione, George Russell la settima: il distacco che intercorre tra i due piloti è minimo. L’inglese della Mercedes insegue l’asturiano sull’Aston Martin numero 14, sono le ultime opportunità per tentare l’assalto alla posizione. Il britannico è incollato ad Alonso ed in curva 6 all’ultimo giro avviene il disastro.


Leggi anche: F1 | Sotto investigazione l’incidente di Russell, la colpa potrebbe essere di Alonso – VIDEO


Russell, ingannato dalla frenata forse anticipata del rivale spagnolo, è costretto a correggere staccata e traiettoria. La Mercedes perde aderenza al posteriore e va lunga sulla ghiaia, quindi nel muro. L’impatto è notevole, le barriere restituiscono Russell alla pista. George rimane bloccato, con vettura instabile e quasi sul lato, nel bel mezzo della pista nella rapida curva 7.

L’incidente causerà la Virtual Safety Car, che congelerà le posizioni per gli ultimissimi metri sino al traguardo. Per Russell il Gran premio si conclude con un grande spavento: rimasto in mezzo al tracciato senza poter vedere le accorrenti vetture, il classe ’98 di King’s Lynn rivela la grande paura nel team radio.

La comunicazione è immediata. George Russell apre il team radio dalla curva 6/7 d’Australia. Urlando, il britannico implora: “Red Flag! Red Flag! Red Flag! Sono in mezzo alla pista!”, esclama. E ancora: “Bandiera rossa! Rossa!“, insiste il #63 rivolto alla direzione gara.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.