F1 | Russell sul posto in Mercedes: “Spero di aver provocato un mal di testa a Wolff, non solo per il 2022, magari prima”

Dopo aver meglio figurato di Bottas sulla Mercedes a Sakhir, Russell ha parlato del proprio futuro, sperando di aver insinuato dubbi in Wolff riguardo al 2022, o “magari prima”.

russell mercedes wolff
2020 Sakhir Grand Prix, Saturday – LAT Images

Nella notte di Sakhir è nata una stella? In molti, compreso Wolff, si aspettavano un George Russell brillante sulla Mercedes W11 del campione del mondo Lewis Hamilton.

Il 22enne britannico è da sempre descritto come un talentuoso astro nascente del panorama automobilistico, ma aspettarsi una prestazione di questo livello alla prima apparizione sulla vettura di Brackley non era così scontato.

Il confronto con Bottas, titolare della squadra, ha sorriso al giovane inglese. P2 in qualifica a soli 26 millesimi dal finlandese e gara condotta dalla prima curva fino al disastro dei pit-stop: Bottas non è sembrato all’altezza, non riuscendo a stare al passo di Russell.

Questo ha portato all’elogio del britannico e alla critica del finlandese. La corsa in Bahrain non si è conclusa nel migliore dei modi per Russell, che però può accennare un sorriso dopo la convincente prestazione.

“Qui contano le performance, e spero che questo weekend possa aver consolidato le loro opinioni su di me, ha detto l’inglese nel post-gara. La Mercedes mi supporta fin dal 2016, hanno seguito la mia intera carriera da vicino. Questo è, spero, solo un altro passo in avanti”.

Russell è stato capace di surclassare Bottas, passandolo in partenza e dimostrando un ottimo passo gara alla prima corsa con la stella a tre punte sul petto.

“L’ottimo weekend è anche una conferma del grande lavoro con la Williams quest’anno”, sostiene Russell non dimenticando la propria scuderia.

Russell, Mercedes e i mal di testa di Toto

“Dal punto di vista di Toto, spero di avergli fatto venire un mal di testa, non solo per il 2022, ma magari anche prima”, dice Russell riguardo al posto in Mercedes.

Quel “maybe sooner” che non ti aspetti potrebbe rimescolare le carte in tavola addirittura in ottica 2021? Il rinnovo del contratto tra Bottas e Mercedes è già cosa fatta ed ufficiale da mesi, ma potremmo assistere a qualche sorpresa?

Il futuro di Russell in Mercedes sembra ormai scritto, è stato lo stesso Wolff a ragionare su un’ipotetica coppia Hamilton-Russell per il 2022. Per l’anno prossimo però le cose sono piuttosto complicate.

Nonostante le dichiarazioni di Russell, Wolff ha allontanato l’idea di vedere il giovane a Brackley già dall’anno prossimo: “I nostri piloti sono Valtteri e Lewis”.

Si parla anche della rimozione dei riferimenti ai team nelle informazioni Instagram di Bottas: non è la prima volta che accade dalla parte di Valtteri, ma questo sicuramente potrebbe aggiungere pepe alla situazione, come potrebbe non voler dire nulla.

Ad oggi Valtteri Bottas ha un contratto siglato con Mercedes in vigore anche nel 2021, Hamilton non ha ancora rinnovato ma non ci sono molti dubbi sul fatto che lo farà. L’interesse nei confronti della situazione tuttavia cresce: ci saranno colpi di scena?

 

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

 

F1 | GP Bahrain Sakhir 2020 – Classifica piloti e team: Un gran finale per il terzo posto [Round 16/17]

Francesco Rapetti

Aspirante giornalista, studente di Scienze Politiche all'Università di Genova. Appassionato di Formula 1 fin da piccolo.