Formula 1Interviste

F1 | Russell valuta la possibilità di dare un sedile a Bearman nel 2025

Oliver Bearman ha stregato proprio tutti: anche George Russell ha parlato della sorprendente prestazione dal connazionale in Arabia

Anche George Russell riconosce il valore di Oliver Bearman dopo quanto visto in Arabia Saudita. Il pilota inglese, infatti, si è detto completamente impressionato dal giovane connazionale dopo essersi trovato, in pochissimo tempo, una Ferrari tra le mani.

Secondo Russell, infatti, Bearman dovrebbe avere il suo sedile da titolare già nel 2025, a prescindere da come andrà la sua stagione in F2. Il debutto in Arabia ha dimostrato un valore molto alto e lasciare che si aspetti ancora del tempo per averlo in griglia potrebbe essere sprecato.

russell bearman
Bearman al termine del GP dell’Arabia Saudita con suo padre Credits: Scuderia Ferrari

Al pilota di Ferrari Driver Academy è stato chiesto di sostituire Carlos Sainz dopo i problemi di salute. Per il pilota spagnolo, infatti, è stato ritenuto urgente il ricovero in ospedale per sottoporsi a intervento chirurgico a causa di un’appendicite.


Leggi anche: F1 | GP Arabia Saudita 2024: ascolti TV ancora ridotti all’osso per Jeddah


Tutti i veterani della griglia si sono complimentati per quanto visto. Anche George Russell è rimasto impressionato e ha valutato la possibilità di vedere correre Bearman come pilota titolare già dalla prossima stagione, nel 2025.

Il pilota di FDA, infatti, non è solo pilota di riserva della Ferrari, ma è anche il terzo pilota della Haas. Proprio con il team americano, motorizzato Ferrari, il diciottenne inglese ha avuto la possibilità di guidare una F1 durante due sessioni di prove libere durante la scorsa stagione.

Ha fatto un lavoro straordinario. Venire su un circuito come questo è estremamente difficile. Penso che abbia superato le aspettative di tutti, me compreso. L’avevo seguito in passato, ma non mi aspettavo di vedere quanto si è visto. Davvero sorprendente” commenta il pilota numero 63 della Mercedes.

È estremamente difficile. Ma se hai la velocità e il talento, alla fine è solo un’altra macchina da corsa. Ha chiaramente avuto fiducia fin dall’inizio, spingendo la macchina al limite. Quindi il rispetto per lui e per il lavoro che ha fatto è imprescindibile. Probabilmente mi aspetto di vederlo in griglia il prossimo anno o quello dopo” conclude poi Russell.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter