F1 | La Safety Car cambia marchio: non più solo Mercedes, arriva Aston Martin

Secondo alcune fonti, dal 2021 non sarà più la Mercedes AMG a fornire esclusivamente Safety Car e Medical Car in Formula Uno: al suo fianco subentrerebbe la Aston Martin.

Aston Martin potrebbe sostituire Mercedes come Safety car
Safety Car Mercedes AMG in pista

Il contratto esclusivo tra FIA e Mercedes AMG per la fornitura di Safety Car e Medical Car in F1, sembra sia in fase di riscrittura. Secondo quanto riportato da RaceFans, il 2020 sarebbe l’ultimo anno di esclusività per la casa tedesca: dal prossimo anno, potrebbe condividere il contratto di fornitura con la Aston Martin; come già noto, la casa britannica prenderà inoltre parte al campionato di F1. Ma attenzione, nessuna esclusione definitiva della Mercedes. La Asto Martin (per il 20% di proprietà Mercedes) fornirebbe i mezzi soltanto in 12 delle 23 gare in calendario. Si tratterebbe però di un cambiamento quasi epocale, dal momento che dal 1997 la Formula Uno dispone esclusivamente di Safety Car e auto mediche della casa tedesca.

Cosa accadrà alle attuali Safety Car Mercedes? Assolutamente nulla, visto che scenderebbero comunque in pista in occasione di 11 gare nel 2021. Nessuna demolizione di mezzi, quindi, ma sarà Aston Martin a scegliere i week-end di gara in cui far circolare i propri mezzi. A seconda di meri interessi di mercato, la casa britannica valuterà quali saranno i paesi migliori in cui “alternarsi” con Mercedes. Se, ad esempio, Mercedes AMG potrà far circolare le proprie Safety Car al GP del Brasile, sarà soltanto perché lì Aston Martin ha interessi di mercato nettamente inferiori. Intanto, il modello di Aston Martin da utilizzare come Medical Car è già stato individuato: si tratterebbe di una DBX con motore V8 da 4 litri, che montano anche le attuali vetture AMG GT R.

Quando vedremo per la prima volta in pista una Safety Car Aston Martin in Formula Uno, non è ancora certo. Si attendono infatti ulteriori conferme da parte della stessa FIA e delle due case automobilistiche.


Seguici anche sui social: Telegram – Instagram – Facebook – Twitter

F1 | Masi risponde a Vettel sulla gestione della safety car a Imola