F1: Sainz commenta un possibile incidente nei test Pirelli a Jerez

Lo spagnolo Carlos Sainz, impegnato in settimana nei test Pirelli degli pneumatici da 18 pollici per il 2022, rimane vago nel commentare le voci su un possibile incidente accaduto a Jerez.

foto sainz fiorano ferrari video esordio 2021 leclerc schumacher sf71h 2018
FERRARI F1 TEST FIORANO – MERCOLEDI 27/01/2021
credit: @Scuderia Ferrari Press Office

Il nuovo acquisto della Ferrari, lo spagnolo Carlos Sainz, si trova in questi giorni a Maranello per la presentazione del nuovo team, dopo aver concluso i test privati di Jerez.

Il ventiseienne di Madrid, infatti, dopo aver effettuato alcuni giri a Fiorano, per prendere confidenza con la nuova macchina, è volato in Spagna insieme al compagno di squadra Charles Leclerc, per i test Pirelli. L’obiettivo di queste tre giornate a porte chiuse era testare le nuove gomme da 18 pollici che verranno introdotte nel 2022.

Da Maranello il feedback è stato positivo, con un totale di più di 300 giri messi a segno. Adesso però, sembra spuntare un retroscena riguardante lo spagnolo. Pare infatti, che Sainz sia andato a sbattere durante il suo turno alla guida della mule car utilizzata per i test, una SF90 modificata nell’assetto.

Le voci riguardo al presunto incidente sono corse in fretta, arrivando all’orecchio dei giornalisti che non hanno esitato a chiedere approfondimenti al diretto interessato. Sainz dal canto suo, è rimasto molto schivo nelle dichiarazioni, cercando di spegnere l’interesse:

“Ovviamente i test Pirelli sono completamente privati”, ha commentato lo spagnolo. “Quindi, onestamente, rispondere a domande esterne su quanto accaduto è difficile per me. Non so quanto possiamo dire contrattualmente su quello che è successo nel test, ma se anche fosse successo qualcosa che non posso rivelare, è stato comunque di poco conto”.

Seguici anche sui social: Telegram – Instagram – Facebook – Twitter

F1 | Presentazione team Ferrari, Leclerc: “Ferrari come una religione”

 

Desirée Palombelli

Classe 1999, aspirante giornalista. Studio Relazioni Internazionali a Roma e scrivo di Formula 1.