F1 | Sainz e Leclerc scenderanno in pista a Fiorano con la SF71H

Sainz e Leclerc scenderanno in pista la prossima settimana a Fiorano, alla guida della SF71H. Ognuno dei piloti avrà a disposizione un’intera giornata di test.

Sainz Leclerc
Foto: motorsportmagazine

Non vede l’ora di correre con i colori della Ferrari, e sembra proprio che il neo-ferrarista Carlos Sainz non dovrà più attendere. La prossima settimana, lo spagnolo scenderà in pista a Fiorano alla guida della SF71H (monoposto del 2018), affiancato dal compagno Charles Leclerc. I due piloti della Ferrari avranno a disposizione un’intera giornata di test ciascuno sul circuito di prova di Fiorano, che sicuramente sarà speciale per entrambi. Mentre Sainz si troverà finalmente di fronte al “volante con il cavallino”, Leclerc potrà tornare in pista dopo essere risultato positivo al Covid-19. La data esatta dei due giorni di test a Fiorano verrà comunicata a breve.

Sul finale della stagione 2020, la Ferrari aveva già tentato di inserire Sainz nel programma di test post-stagionali che si sono tenuti ad Abu Dhabi. Ma purtroppo, l’evento era stato aperto esclusivamente ai principianti e solo successivamente a piloti più esperti, che non avessero però gareggiato nel 2020. Dunque, nessun test post-stagionale per Sainz con la Ferrari. La Formula 1, inoltre, aveva già annunciato che in occasione dei test pre-stagionali 2021, le giornate sarebbero state ridotte da sei a tre soltanto. Di conseguenza, Sainz e Leclerc avranno a disposizione soltanto un giorno e mezzo ciascuno per testare la nuova SF21 prima dell’avvio della stagione 2021, il che sicuramente non agevolerà il lavoro di Carlos Sainz. Com’è noto, il campionato si aprirà poi con il GP del Bahrain del 28 marzo ed a seguito di ciò, i test pre-stagionali si terranno direttamente sul Circuito Internazionale del Bahrain tra il 12 e il 14 marzo, e non a febbraio sul Circuito di Barcellona come di consueto.

Perchè la SF71H?

Così, la Scuderia Ferrari ha deciso di avvalersi delle regole che consentono ai team di far scendere in pista i propri piloti con monoposto di due anni o più per dei test privati, permettendo a Carlos Sainz di iniziare a toccare con mano quello che sarà il suo lavoro in pista con la Scuderia Ferrari. Ma perché la scelta della SF71H e non la più recente SF90, con cui Leclerc ha già corso nel 2019? Probabilmente, quest’ultima sarebbe stata la scelta più ovvia ma dato che il telaio 2018 era già disponibile, poiché utilizzato per i test dell’anno scorso, la decisione è ricaduta sulla SF71H. Leclerc ha già guidato questa monoposto in un test tenutosi al Mugello proprio un anno fa, ma per Carlos Sainz sarà tutto da scoprire.

Seguici anche sui social: Telegram – Instagram – Facebook – Twitter

F1 | Giovinazzi su Sainz in Ferrari: “Non l’ho presa bene”