F1 | Sainz ritorna sul GP d’Australia: “Weekend deludente, dobbiamo diventare perfetti”

Carlos Sainz torna a commentare il GP d’Australia e lo definisce come uno dei weekend più deludenti della sua carriera. L’obiettivo del pilota spagnolo e della squadra tutta è di diventare perfetti.

Carlos Sainz, GP Australia 2022. Fonte: F1 TV.

Il GP d’Australia è stato un vero e proprio incubo per Carlos Sainz.

Lo spagnolo è stato costretto al ritiro nelle primissime fasi di gara, interrompendo così il suo record – che durava da diciassette appuntamenti – di piazzamenti in zona punti.

Il pilota della rossa ha mostrato sin da subito il suo rammarico, deluso dalla mancata possibilità di poter contribuire a un weekend che altrimenti sarebbe stato perfetto per la Scuderia Ferrari.

Il team ha, infatti, conquistato il gradino più alto del podio con Charles Leclerc, in una gara che il monegasco ha condotto in solitaria.

Charles sta guidando veramente bene ha commentato Carlos Sainz. “Ha capito molto bene la macchina e sta sfruttando al massimo il suo potenziale.

Ovviamente abbiamo una grande vettura, ma credo che lui stia riuscendo a mettere insieme delle gare e delle prestazioni piuttosto forti. Ero quindi entusiasta per le Qualifiche e la gara per vedere a che punto ero arrivato”.

Il GP d’Australia non è stato il weekend peggiore per Sainz, ma è chiaro sia stato uno dei più frustranti.

“Non ricordo esattamente tutte le mie gare in F1, quindi è difficile sapere se è stato il mio peggiore fine settimana. Sembrava però che fossi molto più a mio agio con la macchina ed ero determinato a mettere insieme alcuni giri forti.

All’improvviso, si è trasformato in uno dei weekend più deludenti. La cosa importante è che ho imparato da esso, che, come squadra, impariamo ad essere più forti, perfetti in ogni aspetto”.

Secondo Ferrari, è necessario indagare sui problemi riscontrati da Sainz al volante prima dell’inizio del Gran Premio.

Il cambio volante potrebbe aver contribuito alla sua cattiva partenza e ai successivi problemi in gara.

“Doveva arrivare una gara dove le cose non sarebbero andate a modo mio, una gara durante la quale avrei finito per fare un errore. La cosa importante ora è imparare da quanto successo.

Dobbiamo mirare a essere perfetti e analizzare anche il più piccolo dei dettagli perché, con la macchina che abbiamo quest’anno, sento che per ogni gara che non finisci perdi punti estremamente importanti ha dichiarato lo spagnolo.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

F1 | A Imola torna la Sprint Race ma cambia il punteggio: ecco come