F1 | Sainz sui problemi al pit stop: “Ci sono costati un po’ di punti”

Carlos Sainz nel GP degli USA è stato per l’ennesima volta sfortunato con un pit stop lento che gli è costato la posizione su Ricciardo

Sainz pit stop
Foto. Getty images

Quella dei pit stop lenti è ormai diventata una costante per Sainz. Il pilota spagnolo della Ferrari, infatti, è già incappato in questo problema tre volte durante la stagione.

Dopo i problemi accorsi in Turchia, lo spagnolo ha nuovamente perso tempo con una sosta lenta negli USA. Secondo Sainz i secondi persi al pit stop gli hanno fatto perdere la posizione su Ricciardo.


Leggi anche: F1 | Non ci sarà dress code per il Gran Premio dell’Arabia Saudita


Sain ha affermato: “Il pit stop è stato nuovamente sfortunato.” Aggiungendo poi: “Dobbiamo continuare a esercitarci e dobbiamo continuare a migliorare come squadra perché non siamo contenti della situazione.”

Rammarico per i punti persi nelle parole dello spagnolo: “Ci sono stati alcuni pit stop in cui abbiamo avuto difficoltà. Da parte mia, penso che sia la seconda volta consecutiva e la terza in tutta la stagione. Quindi sono un sacco di punti lì che stiamo lasciando sul tavolo con questi piccoli problemi“.

Secondo Sainz: “Sarebbe stato abbastanza facile fare l’undercut su Ricciardo” senza il suo lento stop.

Dobbiamo continuare a lavorare come una squadra per migliorarla“, ha aggiunto.

Lo spagnolo crede che errori del genere non possono essere commessi nel momento in cui si è in corsa per un mondiale: “Dobbiamo continuare a scavare perché ci sono punti che forse quest’anno non sono così importanti, ma se vogliamo lottare per i campionati in futuro, questo è il tipo di cose in cui dobbiamo diventare eccellenti e che forse ci mancano ancora un po’.”

Anche il team principal Mattia Binotto ha detto la sua sul lento cambio gomme: “Sappiamo che qualcosa non andava sul lato posteriore destro.”

“Abbiamo avuto qualche difficoltà a rimuovere la gomma dalla macchina. Ora perché è successo lo capiremo attraverso tutte le analisi. Ma è quello che è successo”, ha concluso il team principal.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter