F1 | Sochi: possibile l’alternanza con Igora Drive per i futuri GP di Russia?

L’alternanza tra Sochi e Igora Drive per il ruolo di sede del GP di Russia non è ancora del tutto tramontata; le parole del promotore della corsa.

Il passaggio di consegne tra i due tracciati è avvenuto ufficialmente pochi giorni fa. È della scorsa settimana la nota ufficiale del cambio di sede del GP di Russia da Sochi ad Igora Drive dal 2023, pista aperta nel 2019 nei pressi della città di San Pietroburgo. Il cambio di set, dal Mar Nero verso nord, non implica anche la sostituzione del promotore. Ad occuparsi dell’organizzazione del gran premio russo sarà sempre RosGonki, almeno sino al 2025.


Leggi anche: F1 | Wolff: “Se Red Bull continua a sviluppare, nel 2022 saranno 2 secondi più lenti”


Alexey Titov, CEO di RosGonki ha parlato a Motorsport.com/Autosport del futuro del GP e del destino dell’autodromo sede del GP dal 2014: Continuerà ad esistere. Non è solo un importante patrimonio per il motorsport ed il primo autodromo ad ospitare il GP russo, ma è anche parte dell’eredità olimpica della Federazione Russa”.

Svilupperemo ulteriormente la pista, le prospettive rimangono invariate. Il circuito di Sochi manterrà il Grado 1 della FIA, potrà ospitare anche altre categorie in futuro”, racconta Titov. Da un punto di vista commerciale non abbiamo più le limitazioni che la presenza della Formula 1 poteva implicare. Possiamo approcciare in modo più flessibile ad una più vasta area di circuito, con un format diverso: ne siamo felici, permetterà alla pista di evolversi”.

Il CEO di RosGonki continua la conversazione riguardo ad una possibile alternanza nel calendario di F1 con il tracciato di San Pietroburgo: “L’idea di gare alternate non è stata ancora abbandonata completamente”, riferisce Titov.

“Al momento la priorità è però definire un piano dettagliato per Igora Drive. Questa è la priorità, come l’evento si evolverà è un argomento che tratteremo più avanti. Il contratto termina nel 2025 e le discussioni per prolungarlo o meno prima o poi ci saranno. Queste discussioni riguarderanno anche le condizioni, il format e così via, ma ne parleremo più avanti”, conclude il promotore.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Francesco Rapetti

Aspirante giornalista, studente di Scienze Politiche all'Università di Genova. Appassionato di Formula 1 fin da piccolo.