Formula 1IntervisteUncategorized

F1 | GP Austria – Wolff sulla strategia di Russell: “Nella gara della domenica non l’avremmo mai fatto”

Toto Wolff commenta la redditizia strategia di Russell, spiegando i motivi che ha spinto Mercedes a prendere tale decisione rischiosa.

Il pilota della Mercedes George Russell è riuscito a conquistare l’ottava posizione, entrando dunque in zona punti, nella sprint race del GP d’Austria grazie ad una strategia rischiosa che è stata commentata da Toto Wolff nel post gara. Nello specifico, il pilota inglese è stato il primo a rientrare ai box per sostituire le gomme intermedie con le slick. Tale chiamata però presentava un’elevata quantità di rischio soprattutto per le tempistiche anticipate, in quanto la pista non era ancora totalmente asciutta. Tuttavia, la mossa vincente è stata proprio anticipare il cambio gomme, in quanto ha consentito a Russell effettuare un notevole undercut. Infatti, il pilota Mercedes, ha ben presto iniziato a girare anche un paio di secondi più veloce rispetto ai propri rivali e, quando questi ultimi sono rientrati ai box, avevano ormai perso la posizione.

F1 | GP Austria - Wolff sulla strategia di Russell: "Nella gara della domenica non l'avremmo mai fatto" ferrari leclerc verstappen hamilton red bull track limits pioggia meteo penalità impeding strategia muretto ferrari sprint race stiria undercut overcut gomme asciutto slick pioggia pagnato intermedie wet
George Russell, pilota Mercedes (©Mercedes F1 media center)

Leggi anche: F1 | GP Austria – Passo Gara Sprint: Verstappen vola sul bagnato


Le parole di Toto Wolff

Il Team Principal della Mercedes Toto Wolff nel post gara, rispondendo ad un inviato F1inGenerale.com, ha commentato la strategia optata per Russell.

In primis ha sottolineato come il fatto che per Russell non ci fosse nulla da perdere, ha contribuito a prendere una decisione rischiosa con poca pressione:

Sapevamo che questa sprint race non era importante per noi. Partivamo molto dietro e potevamo raccogliere pochi punti. Dunque abbiamo solo provato a fare il nostro meglio senza pressione, in quanto sapevamo che c’era poco in palio. Abbiamo fatto una chiamata così anticipata perchè se avessimo voluto beccare il jolly avremmo dovuto fare qualcosa di davvero diverso rischiando, ed è quello che abbiamo fatto“.

Successivamente ha ammesso che la decisione è stata presa dagli strateghi senza che lui in primis la condividesse:

È stata una chiamata voluta dal del team di strategia. Io in primis non ero convinto: in quanto credevo fosse uno o due giri troppo presto. Loro lo hanno voluto fare e ha pagato.

Infine, ha concluso come un rischio di tale entità è stato ammissibile solo data la Sprint Race, dove in quanto i punti in palio sono molto ridotti, sottolineando come nella gara della domenica si sarebbe agito in maniera più cauta:

Tuttavia, nel Gran Premio principale la domenica non avremmo mai preso una decisione del genere. Ciononostante ha funzionato e impareremo da questo.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter