F1 | Statistiche GP Brasile – Gli ultimi squilli della Rossa

Per il ventesimo appuntamento della stagione 2019 si va in Brasile, a San Paolo. Il tracciato di Interlagos ha riservato le ultime grandi gioie della Ferrari: Raikkonen vinse il mondiale piloti nel 2007 e la Scuderia vinse il titolo costruttori nel 2007 e nel 2008. Statistiche GP Brasile

Le prime edizioni

La prima edizione del GP del Brasile ha luogo ad Interlagos nel 1973 e vide vincitore Emerson Fittipaldi – per l’unica vittoria Lotus in Brasile – che si impose anche l’anno dopo. Nel 1976 il primo successo della Ferrari con Niki Lauda in Brasile, mentre nel 1979 abbiamo l’unica vittoria della Ligier nel Paese sudamericano con Lafitte. Statistiche GP Brasile

Oltre ad Interlagos, il Brasile è stato in calendario con il tracciato di Jacarepaguá (1978 e 1981 – 1989). Alain Prost ha vinto ben 5 dei 10 appuntamenti a Jacarepaguá, 2 per Reutemann e Piquet e uno per Mansell.

Dopo il ritorno ad Interlagos nel 1990 con la vittoria di Prost, il 1991 racconta invece una strepitosa vittoria di Ayrton Senna, che dalla Pole riuscì a vincere nonostante il cambio bloccato in sesta marcia per gli ultimi 15 giri.

Nel 2003 la gara fu sospesa nel corso del 54° giro a causa di una pioggia torrenziale che causò anche diversi incidenti. Inizialmente la vittoria fu assegnata a Raikkonen, ma fu poi data a Giancarlo Fisichella che vinse così la sua prima gara in carriera su Jordan, al suo primo ed ultimo successo in Brasile

Fisichella alza il trofeo del vincitore dopo che gli è stato consegnato da Raikkonen.

La storia recente e i mondiali decisi

Con lo spostamento della gara nel calendario – il passaggio da una delle prime a una alle ultime – la gara diventa decisiva per l’assegnazione del campionato del mondo.

Nel 2005 e nel 2006 Alonso vinse il mondiale con la Renault, salendo sul podio in entrambe le occasioni. La gara del 2006 è l’ultima di Michael Schumacher alla guida della Ferrari.

Nel 2007 e nel 2008 i mondiali vengono decisi proprio a San Paolo. Nel 2007 sono Kimi Raikkonen e la Ferrari a vincere e conquistare il titolo ai danni di Lewis Hamilton e Fernando Alonso su McLaren, con Massa a completare la doppietta Ferrari in quel giorno di gloria per il Cavallino.

L’anno successivo è invece Hamilton a conquistare il titolo in Brasile ai danni di Felipe Massa con il sorpasso a 200 metri dalla fine di Hamilton su Timo Glock in un finale a dir poco rocambolesco e polemico.

Felipe Massa al termine del GP di Brasile 2008. Foto: jamesallenonf1.com

Anche nel 2009 il Brasile è decisivo per l’assegnazione del titolo, vinto da Jenson Button e Brawn GP con una gara d’anticipo.

Nel 2010 si registra la prima ed unica Pole finora di Nico Hulkenberg su Williams.

Un giovanissimo Hulkenberg in Pole al primo anno in F1. Foto: Getty Images

Mentre nel 2012 fu invece Sebastian Vettel su Red Bull a vincere, battendo Fernando Alonso su Ferrari al termine di una gara che tenne tutti sulle spine. Il testacoda di Vettel, dal quale il tedesco ne uscì inaspettatamente senza dover quindi ritirarsi, alimenta le speranze mondiali dei ferraristi ma Vettel riesce comunque a rimontare quanto basta per vincere il mondiale per la terza volta consecutiva. Vinse Button per l’ultima vittoria sua e della McLaren.

Il testacoda di Vettel nelle fase iniziali del GP del Brasile del 2012. Foto: Virgilio Sport

Il circuito di Interlagos Statistiche GP Brasile

L’Autodromo José Carlos Pace ha ospitato la F1 dal 1973 al 1980 (eccetto il 1978) e misurava 8 km. Dopo una profonda ristrutturazione del tracciato, si torna a Interlagos nel 1990, rimodernizzato e accorciato: misura attualmente 4309 m.

Foto: Formula 1

La pista di Interlagos è da percorrere in gara per 71 giri, per una distanza totale di 305.909 km. Sono presenti 15 curve, di cui 10 a sinistra e 5 a destra. Si gira in senso antiorario.

Ci sono 2 zone DRS, la prima sul rettilineo tra le curve 3 e 4, la seconda sul rettilineo del traguardo.

Curiosità: tra curva 1 e curva 2 del tracciato abita Nonna Isaura, la nonna dell’ex Ferrari e Brawn GP Rubens Barrichello.

I Record del Gran Premio del Brasile

Vittorie

Il pilota più vincente in Brasile è Alain Prost con 6 successi, di cui 5 sul circuito di Jacarepagua. Michael Schumacher è secondo in questa classifica con 4 vittorie, ottenute tutte a Interlagos. Seguono Carlos Reutemann e Sebastian Vettel a quota 3, infine due successi per Lewis Hamilton e uno per Kimi Raikkonen.

Nei costruttori McLaren davanti a tutti con 12 vittorie conquistate in Brasile. Seguono Ferrari a quota 11, Williams a 6, Red Bull e Mercedes a 4 e Renault a 2.

Pole Position Statistiche GP Brasile

Ayrton Senna è il recordman di partenze al palo, con 6 pole position conquistate. Seguono Mika Hakkinen, Rubens Barrichello e Felipe Massa a quota 3, poi Sebastian Vettel e Lewis Hamilton a 2. Infine una pole ciascuno per Fernando Alonso, Nico Hulkenberg e Valtteri Bottas.

Nei costruttori McLaren svetta con 11 pole position, seguono Williams a 10, Ferrari a 7, Mercedes a 4. Infine 3 pole per Renault e 2 per Red Bull.

Giri veloci

Michael Schumacher detiene il record di 5 giri veloci in gara. Seguono Lewis Hamilton a quota 4, Alain Prost, Nelson Piquet e Mark Webber a 3, Kimi Raikkonen e Max Verstappen a 2. Nei costruttori troviamo in testa McLaren e Williams con 10 giri veloci, poi Ferrari a 8, Red Bull a 5, Renault e Mercedes a 2.

Record sul giro Statistiche GP Brasile

I record sul giro secco sono stati segnati tutti nel 2018, tutti da piloti Mercedes.

  • Qualifica: L. Hamilton (Mercedes) – 2018 – 1’07″281
  • Giro veloce in gara: V. Bottas (Mercedes) – 2018 – 1’10″540
  • Distanza in gara: L. Hamilton (Mercedes) – 2018 1h27’09″066

Cosa accadde nel 2018? Statistiche GP Brasile

Contatto nel box FIA tra Verstappen e Ocon dopo quello in gara tra i due. Foto: GazzettaLewis Hamilton vince il GP del Brasile davanti a Max Verstappen, che si è girato effettuando il doppiaggio di Ocon mentre era in vetta con una mossa abbastanza azzardata del francese, allora in forza alla Racing Point. Terzo Kimi Raikkonen.

Pole Position: L. Hamilton (Mercedes) – 1’07″281

Ordine di arrivo: 1. L. Hamilton (Mercedes) 2. M. Verstappen (Red Bull) – 3. K. Raikkonen (Ferrari)

Giro veloce: V. Bottas (Mercedes) – 1’10″540

103° ed ultimo podio per Raikkonen.

5° Mondiale costruttori per la Mercedes.

Seguici su Telegram, Facebook, Instagram, Twitter.

F1 | Statistiche GP USA – Raikkonen l’unico su Ferrari a vincere negli ultimi 10 anni

Condividi

Sono un ragazzo di 14 anni e la mia passione per lo sport è immensa. Spero di coronare il mio sogno, diventare un giornalista sportivo.

Disqus Comments Loading...

Articoli Recenti

WEC | 8 ore del Bahrain – Analisi prove libere: tempi, velocità massima, gomme

Le prove libere della 8 ore del Bahrain WEC mostrano una Toyota in difficoltà e una Rebellion sugli scudi: l'analisi…

14 minuti fa

WEC | 8 ore del Bahrain – Sintesi Prove Libere: Rebellion e Aston Martin davanti!

Le prove libere del giovedì per la 8 ore del Bahrain WEC vedono Rebellion e Ginetta occupare le prime posizioni…

3 ore fa

F1 | Analisi fine stagione: L’annata d’oro della Mercedes

A pochi giorni dal gran finale di Abu Dhabi è tempo di tirare le somme sulla stagione d'oro del team…

4 ore fa

DTM – SuperGT: è possibile una unificazione dei due campionati?

DTM-SuperGT, due campionati turismo in cerca di una connotazione globale. Ma un’unificazione sarebbe possibile? Cerchiamo di fare chiarezza sulle principali…

4 ore fa

WEC | Calendario provvisorio 2020/2021: l’Endurance sbarca a Monza!

Una delle più grandi mancanze del calendario WEC viene finalmente colmata nella stagione 2020/2021: l'Endurance sbarca ufficialmente a Monza. L'Autodromo…

6 ore fa

MotoE | Torres si aggiunge ai piloti nel campionato elettrico

Il piltoa spagnolo Jordi Torres si unisce al campionato elettrico nel 2020. Torres si aggiunge nel campionato elettrico Nella prossima…

8 ore fa

Questo sito si serve dei cookie di per l'erogazione dei servizi, la personalizzazione degli annunci e l'analisi del traffico.