F1 | Statistiche GP Silverstone: Hamilton e Ferrari re d’Inghilterra

Il Circus torna dove tutto è iniziato. A Silverstone Sir Lewis è il re, nessuno come lui: ecco le statistiche del GP di Gran Bretagna.

La Formula 1 “is coming home”, torna nei luoghi della propria nascita. In principio – agli albori della massima competizione motoristica – fu Silverstone. Il tracciato del Northamptonshire, nato nel 1943 come aeroporto militare durante il secondo conflitto mondiale, è stato la casa della prima corsa della storia della F1, disputata il 13 maggio 1950 e vinta dall’italiano Nino Farina su Alfa Romeo. statistiche gp silverstone


Leggi anche: F1 | Orari TV GP Gran Bretagna 2021 – Anteprima e orari TV su Sky e TV8, debutto della gara sprint


Avvicinandoci al weekend in terra d’Albione, uno dei più affascinanti gran premi dell’intero calendario, osserviamo insieme le statistiche della gara, tenutasi ininterrottamente dal 1950 al 2020. Inaugurato nel dopoguerra, nel 1947, il circuito di Silverstone è stato teatro negli anni di molte battaglie in pista. Allungato e modificato nella parte del primo settore attuale nel 2010, sulla pista inglese è cambiato – l’anno successivo – anche il traguardo. Il rettilineo principale, presente da sempre prima della curva Copse, è stato spostato sul rettifilo che porta alla curva Abbey. L’attuale configurazione prevede la presenza di 18 curve disposte su una lunghezza di 5.891 km.

I numeri della corsa britannica

A dominare oltremanica non può che essere Sir Lewis. Il #44 della Mercedes, sette volte iridato, ha trionfato in patria per ben sette volte, ottenendo il medesimo numero di pole position. Il 36enne di Stevenage è in vetta ad entrambe le classifiche. Nella graduatoria delle vittorie Hamilton è seguito da due piloti non più in attività, lo scozzese Jim Clark ed il transalpino Alain Prost, entrambi con cinque primi posti. Più indietro Mansell con 4 vittorie, Schumacher, Lauda e Brabham con tre. I primi piloti della griglia attuale in classifica sono Sebastian Vettel e Fernando Alonso. L’asturiano ha visto la bandiera a scacchi per primo nel 2006 con Renault e nel 2011 con Ferrari. Il tedesco dell’Aston Martin ha vinto in terra inglese con Red Bull nel 2009: ha dovuto poi aspettare nove anni per ripetersi, nel luglio del 2018, con la vittoria Ferrari “a casa loro”.

Volgendo lo sguardo alla graduatoria dei trionfi per costruttori, Ferrari è leader incontrastata. La scuderia di Maranello ha sventolato fiero il tricolore in terra inglese (come successo anche recentemente nel teatro di Wembley) per ben 17 volte. Seguono – più staccate – tre squadre britanniche: McLaren, Williams e Lotus. Il team di Woking è il più vicino con 14 successi, la squadra di Sir Frank ha vinto 10 volte, la Lotus 8. A pari merito con Lotus c’è Mercedes, con 8 successi targati Hamilton, Rosberg e Moss.

A Silverstone, oltre il GP di Gran Bretagna si è corso, nel 2020, anche il gran premio dell’anniversario numero 70 della F1, a trionfare fu Max Verstappen su Red Bull. Da menzionare anche la Gran Bretagna come sede del GP d’Europa nel 1983 e 1985 a Brands Hatch e nel 1993 a Donington Park.

Il Gra Premio di Gran Bretagna è stato disputato su tre diversi circuiti: Silverstone, Brands Hatch e Aintree.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Francesco Rapetti

Aspirante giornalista, studente di Scienze Politiche all'Università di Genova. Appassionato di Formula 1 fin da piccolo.