F1 | Steiner: “C’è stato il grande rischio che Haas non superasse il 2020”

Gunther Steiner, il team principal del team americano, ha parlato di come Haas abbia rischiato di dover lasciare la F1 a causa dei problemi finanziari del 2020.

steiner haas f1
Guenther Steiner -lastwordonsports.com

Il 2020 ha portato, insieme alla pandemia, una grave crisi finanziaria che ha colpito tutti, compresa la F1: proprio per questo motivo, il boss del team americano Steiner ha ammesso che Haas ha rischiato di dover lasciare il Circus.

All’inizio della stagione sono state concordate con i team diverse misure di risparmio, tra cui il rinvio dei nuovi regolamenti al 2022. L’attuale mondiale non è stato brillante per la Haas che, a tre gare dal termine, si trova solo al nono posto in classifica costruttori.

Tuttavia, la vittoria più importante di Haas, a detta di Steiner, è stata quella di esser sopravvissuti ai problemi economici che hanno afflitto la F1.

Cosa abbiamo fatto bene? Siamo sopravvissuti, ha detto ai media. C’è stata la grande possibilità che Haas dovesse lasciare la F1 al termine del 2020. Così fortunatamente non è stato, ci siamo uniti e siamo qui per rimanere”.

“Tutto sommato, forse non siamo stati bravi in pista quest’anno, ma penso che siamo stati bravi nel salvaguardare il futuro della Haas e della F1“, ha detto l’italiano. “Alla fine penso che la Formula 1 abbia bisogno di squadre come noi”.

Il team di Gene Haas ha comunicato tempo fa la decisione di sostituire i due piloti titolare per il 2021. Grosjean disse che tale scelta fu presa per motivi finanziari.


Ora Haas si prepara ad annunciare i nuovi piloti, ancora non svelati. Ad approdare in scuderia sembrano favoriti Nikita Mazepin e Mick Schumacher.

 

Seguici anche su Instagram

 

F1 | Sticchi Damiani: “Per il centenario di Monza restyling per riportare le gare in sopraelevata”

Francesco Rapetti

Aspirante giornalista, studente di Scienze Politiche all'Università di Genova. Appassionato di Formula 1 fin da piccolo.