F1 | Steiner: “Motore Ferrari forse già meglio di altre Power Unit, nel 2022 può tornare al top”

steiner ferrari 2022 2021 motore power unit haas gp imola f1

A margine del GP di Imola, il Team Principal della Haas, Guenther Steiner, ci ha parlato dei passi avanti del motore Ferrari, con un occhio alle novità per il 2022.

Dopo un anno di oblio profondo, finalmente in Ferrari si vede la luce: il motore è tornato a buoni livelli. La domanda che molti ora si fanno è se sia già ai livelli dei top, ovvero Mercedes e Honda. La risposta è no. Però è interessante cercare di capire quanto manca ancora a Ferrari per tornare ad avere una Power Unit competitiva, se non migliore delle altre, come fu nel 2019. Altrettanto interessante è capire quanto la Ferrari potrà migliorare la Power Unit in ottica 2022, considerato che poi bisognerà tenersela fino al 2025, per via del congelamento dei motori.

Per questo motivo abbiamo chiesto un parere a Guenther Steiner, Team Principal della Haas, a cui la Ferrari fornisce i motori dal 2016, e che da quest’anno ha aumentato i rapporti con Maranello.

Steiner sul motore Ferrari 2021

Alla domanda se il motore Ferrari fosse già tornato al livello delle altre Power Unit, Steiner ha risposto così:

“Penso che siamo vicini al livello delle altre Power Unit. Non conosco i numeri esatti ovviamente, ma le differenze sono molto piccole. Quindi è difficile dire esattamente chi ha un po’ di più, e chi ha un po’ di meno. Però penso che non siamo lontani, li abbiamo raggiunti, e forse siamo anche davanti rispetto ad altre Power Unit. Di sicuro è stato colmato il divario dello scorso anno.”

Un pensiero alla Power Unit Ferrari 2022

Poi rispondendo ad una domanda sul motore Ferrari 2022, l’ultimo prima del congelamento dei motori, Steiner ha confessato:

“Per il 2022 non so esattamente tutto. Ci sarà un carburante diverso in arrivo, quindi c’è molto sviluppo da fare, e tutti dovranno cambiare un po’. Fondamentalmente ci sarà qualcosa da sviluppare di nuovo, e questo potrebbe cambiare gli equilibri. Non so chi poi ne uscirà meglio. Ma so che in Ferrari lavorano già da un po’ su quella Power Unit, per i prossimi anni. Quindi si spera che la Ferrari ne esca al top.”

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Simone Frigerio

Vivo per scrivere, mi nutro di MotoGP e Formula 1