F1 | Steiner parla dell’addio di Grosjean e Magnussen in Haas: “Ho dei ricordi bellissimi insieme”

Dopo quattro anni di militanza nel team per il danese e cinque per Grosjean, le strade dei due piloti si separeranno da Haas alla fine della stagione 2020. Steiner Haas F1

Steiner Haas F1
Magnussen, Steiner e Grosjean durante la presentazione a Barcellona della monoposto 2020 – Foto Charniaux / XPB Images

Da tempo nell’aria, confermata poche ore fa la notizia della separazione anno tra il team a stelle e strisce e la coppia di piloti GrosjeanMagnussen. Insieme dal 2017 (il francese è approdato l’anno prima nella stagione da rookie per Haas) l’avventura è stata un saliscendi tra emozioni, scontri in casa (Vedere Drive to Survive per capire meglio) e prestazioni, non sempre all’altezza del curriculum dei due tra le quali Baku ’18 e Silverstone ’19, giusto per citarne due. Steiner Haas F1

Sebbene i risultati nel 2020 tardino a farsi vedere, come per altro accaduto la stagione precedente, a dir poco disastrosa (salvo un 4° e 5° nel GP d’Austria), il curriculum dell’Equipe di Gene non ha del tutto sfigurato agli esordi.

Le parole del TP Steiner

I risultati di Romain nel 2016 sono stati il premio per tutti gli sforzi di squadra, oltre grazie al suo talento, indica Steiner. Il francese è stato fondamentale per il cammino di Haas in Formula 1. All’arrivo di Kevin (Magnussen ndr) nel 2017 abbiamo notato un miglioramento in classifica con i primi punti acquisiti a Montecarlo. Insieme abbiamo ottimi ricordi aggiunge Gunther, in particolare nel 2018 dove concludemmo quinti in classifica costruttori“.

Ci vorrà tempo dunque, per ritornare come detto dallo stesso Steiner ai livelli del ’16 e ’17. Immaginando di ingranare la retromarcia del nostro immaginario per tornare a quattro anni fa, riflettendo ai GP in cui Grosjean e Gutierrez sbracciavano per ottenere un posto degno della Top 10 (o dintorni) giocandosela fino alla fine con una monoposto competitiva, pare veramente come ad oggi sia caduta in semi declino. Steiner Haas F1

Voglio ringraziare sia a Romain che a Kevin per il loro duro lavoro e impegno da piloti Haas F1 Team” conclude Gunther Steiner, che già a breve sarà protagonista per la scelta della futura line-up della squadra americana. Steiner Haas F1

Si parlava di Ilott come papabile new entry (previsto in abitacolo nelle libere dell’Eifel) o di Mick Schumacher per affiancare una figura più esperta come Perez. Ma anche questa opzione rimane solo un’ipotesi e nient’altro. Almeno fino a quando non si smuoverà qualcosa in più.

 

Steiner Haas F1

 


Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

F1 | Magnussen commenta l’addio con Haas e rassicura: “Ho alcuni progetti per il futuro”

 

 

 

 

 

Marco Passoni

Progettato nel 1997, fotografo e studente di Comunicazione, Media e Pubblicità alla IULM. Ho sempre voluto lavorare nel mondo della Formula 1 sin da bambino e spero un giorno di arrivarci come responsabile comunicazione o marketing. Instagram: @marcopasso18