F1 | Sticchi Damiani chiede aiuto al governo affinché Giovinazzi resti in Formula 1

Angelo Sticchi Damiani ha chiesto un contributo economico al governo italiano affinché Giovinazzi possa proseguire in Formula 1.

Sticchi Damiani Giovinazzi

Angelo Sticchi Damiani, presidente ACI, ha esortato il governo italiano a investire nel futuro di Giovinazzi in Formula 1. Sticchi Damiani ritiene che vada soppesato il grande valore di avere un pilota di nazionalità italiana.

Il sedile di Antonio Giovinazzi all’Alfa Romeo non ha ancora un proprietario per la stagione 2022. Ma ci sono già candidati come il recente campione di Formula E Nyck de Vries. Anche l’attuale pilota di Formula 2 Guanyu Zhou è in pole. Angelo Sticchi Damiani ritiene che il governo italiano dovrebbe mettersi al lavoro per cercare di mantenere il pilota italiano nella classe regina. Damiani ritiene che non gli sia ancora stata data l’opportunità di dimostrare il suo vero potenziale.


Leggi anche

F1 | Vetture 2022, le scuderie chiedono modifiche: “Va aumentato il peso minimo”


“E’ un grande pilota e non gli abbiamo ancora dato l’opportunità di mostrare il suo vero potenziale. Spero che il governo italiano tenga conto di tutto il valore che porta e faccia qualcosa per aiutare”. Damiani ha chiesto esplicitamente che venga investita la cifra necessaria per far sì che l’attuale pilota dell’Alfa Romeo possa rinnovare con la sua squadra. “Naturalmente parlo di una valigetta con dentro la cifra necessaria per la sua continuità in Formula 1″, ha assicurato.

Ebbene, il presidente dell’ACI ha confessato che la Formula 1 oggi non funziona come in passato. Crede che ora i piloti debbano sostenere finanziariamente la squadra per avere una possibilità. “Non è più come una volta, quando i bravi piloti non avevano problemi a continuare a guidare. I piloti che valgono davvero ci sono, ma c’è anche chi ha più zeri sul conto in banca per contribuire alla squadra” afferma Damiani. “È nostro obbligo difendere Antonio e dargli l’opportunità di continuare a mostrare il suo vero potenziale in Formula 1”, ha aggiunto per chiudere.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Alessia Malacalza

Classe 2000, aspiro a lavorare nel mondo dello sport. Studio Comunicazione d'impresa e relazioni pubbliche a Milano.