F1 | Stop alla vendita delle U-Mask, le mascherine usate in F1: “Non sono dispositivi medici, potenziali rischi per la salute”

La decisione arriva dal Ministero: vietata l’immissione in commercio e disposto il ritiro delle “U-Mask”, le mascherine usate in F1.

mascherine u-mask f1 ministero

La decisione sulle mascherine, viste anche nel paddock di F1, arriva dal Ministero della Salute, il quale ha disposto “il divieto di immissione in commercio del dispositivo medico U-Mask Model 2” e “l’adozione della misura del ritiro del medesimo prodotto” dal mercato.

La scelta è arrivata da Roma sulla base di un’indagine aperta dalla procura di Milano. Motivo? Frode in commercio. A riguardo anche una segnalazione dei Carabinieri Nas di Trento.

Il nucleo dei Carabinieri ha segnalato al Ministero che le mascherine U-Mask, le mascherine usate anche in F1, risultavano dispositivi medici in base ad una certificazione di un laboratorio “privo di autorizzazione”.

La decisione del Ministero

Da Roma si sottolineano i potenziali rischi per la salute derivanti “dall’assenza di un regolare processo valutativo”. Al termine del mese di gennaio i Nas avevano posto sotto sequestro il laboratorio di Bolzano.

Il provvedimento adottato dal ministero ha carattere di urgenza. L’azienda è tenuta a rimuovere dal commercio le “U-Mask” entro cinque giorni, sotto l’osservazione dei Nas. L’azienda potrà presentare ricorso direttamente al ministero o al tribunale amministrativo regionale.

La procura del capoluogo lombardo ha affidato ad un esperto il compito di analizzare, entro 40 giorni, le mascherine. Saranno passati al setaccio i prodotti sia dell’azienda in questione, sia della concorrente dal cui esposto è nata l’inchiesta di Milano.

Non è tutto: l’Antitrust ha avviato un procedimento istruttorio nei confronti delle società U-Earth Biotech e Pure Air Zone Italy. Tale provvedimento è una contestazione nei confronti delle attività di promozione e di vendita delle mascherine “U-Mask”.

Secondo l’Autorità sono state portate avanti in modo ingannevole ed aggressivo, come riporta La Repubblica, sfruttando indebitamente la situazione di emergenza sanitaria portando il consumatore a pagare il prodotto ad un prezzo maggiorato.

 

 

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

F1 | Ecco quando e dove seguire la prima presentazione Ferrari 2021

 

Francesco Rapetti

Aspirante giornalista, studente di Scienze Politiche all'Università di Genova. Appassionato di Formula 1 fin da piccolo.