F1 | Svaligiata la casa di Gasly in Normandia

Sui social del pilota di F1 viene data la notizia. La casa di Gasly è stata svaligiata mentre Pierre correva il GP di Spagna.

F1 casa Gasly
credits: The SportsRush

Il pilota di F1 Pierre Gasly comunica sui suoi social che la sua casa in Normandia è stata rapinata. Dopo il bel GP corso in terra spagnola, il pilota francese è rientrato in Francia, trovando una brutta sorpresa. Di certo non il migliore dei modi per festeggiare il piazzamento a punti dello scorso week-end.

I ladri sono infatti entrati nella sua abitazione e hanno rubato diversi oggetti. Tra questi troviamo orologi, vestiti, gioielli, occhiali e caschi da corsa. Aggiunge inoltre che gli oggetti rubati non avevano solo un alto valore economico, ma anche personale.

Dal post sul suo account twitter si può leggere: “Alcune persone sono davvero senza valore, irrispettose e spregevoli”. Il pilota di Rouen continua poi facendo la lista degli oggetti portati via dai ladri: “mi hanno rubato orologi BRM con inciso il mio nome, Tag Heuer, gioielli, vestiti e occhiali. Contattatemi se avete delle informazioni”.

Il post si conclude poi con un ringraziamento per chi potrà dare una mano. Al momento non ci sono ulteriori informazioni, ma si può pensare che Gasly abbia già denunciato il tutto alle autorità. Aspetteremo notizie dalla polizia francese per scoprire se le indagini porteranno a delle novità, e soprattutto se il pilota dell’Alpha Tauri tornerà in possesso dei suoi beni.

F1: non solo la casa di Gasly è stata derubata

La situazione non è nuova in F1, infatti abbiamo già assistito ad episodi simili. Il più recente fra essi è quello che riguarda l’ex boss del Circus: Bernie Ecclestone. La casa di sua figlia, Tamara Ecclestone, è stata infatti derubata per un totale di 79 milioni di euro.

L’episodio risale al dicembre scorso e la famiglia era fuori casa, proprio come Pierre.

Per rimanere sempre aggiornato:

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

F1 | Tensione in radio: Leclerc: “Dobbiamo fermarci!”, muretto: “Tutto regolare per noi”