F1 | Szafnauer sorpreso dall’affidabilità delle vetture 2022: “Non mi aspettavo così pochi ritiri”

Nonostante i ritiri avvenuti nei primi due appuntamenti stagionali, Szafnauer, Team Principal dell’Alpine, si definisce sorpreso dall’affidabilità di queste nuove vetture del 2022 Otmar Szafnauer affidabilità vetture 2022

In questo 2022 tutte le scuderie, visti i nuovi regolamenti, sono ripartite da 0 nella progettazione di queste vetture. L’affidabilità è un fattore molto importante e i ritiri, che equivalgono a 0 punti in ottica mondiale, possono essere decisivi in una sfida mondiale. I ritiri, in questi primi due appuntamenti in Bahrain e in Arabia Saudita, non sono mancati. I problemi alla pompa del carburante hanno messo fuori gioco le due Red Bull nel deserto del Sakhir, mentre a Jeddah sono stati ben 4 i piloti che non hanno terminato la gara per l’affidabilità (Bottas, Alonso, Ricciardo e Tsunoda). Nonostante ciò, il Team Principal dell’Alpine, Otmar Szafnauer si definisce sorpreso dall’affidabilità di queste vetture del 2022, dunque di nuova generazione. “La mia vera sorpresa non è che non ci siano problemi di affidabilità. Quello che mi sorprende è che non ce ne siano stati altri, dato che è tutto così nuovo. Penso che tutti abbiano fatto un ottimo lavoro sulla parte dell’affidabilità, ha dichiarato il rumeno.


Leggi anche: F1 | Villeneuve: “In Mercedes sono caduti dal piedistallo, Lewis ha sempre avuto l’auto perfetta”


Dunque, Szafnauer ritiene che l’affidabilità di queste vetture 2022 sia un indicatore del duro lavoro che i team hanno svolto durante la “pausa” invernale. Il Team Principal ha sottolineato il basso numero di ritiri, se confrontato con il numero di questi ultimi avvenuto in passato nelle prime gare dell’anno. “Ricordi i vecchi tempi? Arrivavi alla prima gara e finivi con massimo 8 vetture alla bandiera a scacchi. Con questo pacchetto nuovo di zecca e con tutti che costruiscono un nuovo motore, sono stupito di quanto siano affidabili queste monoposto”, ha concluso Szafnauer.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Michele Guacci

Classe 2003, studente ed appassionato di F1 sin dall'infanzia.