F1 | Tensioni in Haas da Mazepin padre: a farne le spese Steiner e Schumacher?

Stando a quanto riporta il sito F1-insider, Dmitry Mazepin sarebbe infastidito dal comportamento di Steiner in merito alla situazione telai. Il magnate russo starebbe addirittura spingendo per una sostituzione del Team Principal.

Steiner Mazepin
Foto: XPB Images

La questione legata al peso del telaio di Nikita Mazepin sta generando qualche problema di troppo in casa Haas. Recentemente Nikita Mazepin ha rivelato di correre con un telaio più pesante, nonché più vecchio rispetto a quello di Schumacher, cosa confermata dal Team Principal Gunther Steiner.

A Dmitry Mazepin, padre del pilota russo e azionista del title sponsor Haas Uralkali, questa disparità non va giù. Secondo quanto riportano i tedeschi di F1-insider, il russo avrebbe offerto un pagamento anticipato a Steiner per scambiare i telai dei due piloti. Il Team Principal altoatesino avrebbe poi rifiutato la proposta scatenando così la rabbia di Mazepin padre che vorrebbe avere più potere all’interno della squadra.


Approfondisci sulla questione telaio: Mazepin: “Il mio telaio è più pesante di quello di Schumacher”; Steiner: “Differenza minima, i problemi sono altri”


Sempre riportando quanto sostiene F1-insider, Mazepin starebbe così forzando l’opzione di sostituire Steiner nel ruolo di Team Principal della scuderia di Gene Haas. Mazepin individua come erede di Steiner Oliver Oakes. Oakes è il manager di Nikita e Dmitry punterebbe su di lui visti gli ottimi rapporti con la famiglia Mazepin. Altre dichiarazioni che avrebbero fatto infuriare Mazepin sono quelle rilasciate a Sky DE da Steiner: “E’ possibile che un pilota abbia i tifosi e l’altro i soldi”. 

Un ambiente decisamente incandescente in cui Steiner e Gene Haas devono trovare un compromesso che vada bene sia ai Mazepin, che hanno di fatto salvato la scuderia, che alla Ferrari. Ricordiamo che la Scuderia di Maranello fornisce i motori al team americano ed ha il diritto di occupare un sedile con i suoi piloti della FDA.

Al momento il sedile appartiene a Mick Schumacher, sicuramente non a suo agio in questo ambiente in cui battere Mazepin potrebbe non bastare. Il rookie tedesco starebbe quindi valutando l’opzione di passare all’Alfa Romeo nel caso in cui Kimi Raikkonen dovesse ritirarsi. Sul suo futuro però, Schumacher non si è voluto sbilanciare: “In realtà non sto davvero pensando a cosa accadrà l’anno prossimo, vedremo come si svilupperà tutto.” ha detto il campione in carica di F2.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

F1 | Alonso: “La FIA non dovrebbe concentrarsi sui burnout”

Emanuele Zullo

Classe 2005, vivo a Napoli dove frequento il liceo linguistico. Adoro qualsiasi cosa abbia quattro ruote e spero di trasformare la mia passione in lavoro.