F1 | Ticktum licenziato dalla Williams: non si conoscono le motivazioni

Il pilota per lo sviluppo Ticktum è stato licenziato dalla Williams con effetto immediato nella scorsa settimana. L’annuncio non presenta la motivazione del licenziamento.

ticktum williams

Dan Ticktum è stato licenziato dalla Williams. Un annuncio improvviso, inaspettato, che ha ancora molti dettagli nascosti, visto che non è stata giustificata questa scelta da parte di Williams. I piloti che comporranno l’academy saranno Jack Aitken, pilota di riserva, Roy Nissany, che ha già guidato la Williams in tre FP1, e Jamie Chadwick.

Ticktum si è unito all’Academy Williams dopo essere stato licenziato da RedBull e aveva da poco rinnovato il contratto con la scuderia inglese. Il pilota si occupava dello sviluppo della monoposto, lavorando al simulatore e assistendo il team sia in pista che in fabbrica. Dan è impegnato anche in F2 ed è uno dei canditati al titolo; infatti si trova a soli 19 punti dal leader Oscar Piastri. 

Il pilota inglese è conosciuto per il suo brutto caratterino che oscura il grande talento che possiede. Nelle F4 ha deliberatamente tamponato una monoposto per vendetta e nelle categorie minori gli hanno revocato la licenza. Il suo carattere potrebbe essere nuovamente la causa del licenziamento, soprattutto per una sfortunata coincidenza.


Leggi anche:

Dan Ticktum, quando il carattere oscura il talento


Il sito della F1 ha riportato la notizia del licenziamento di Ticktum oggi, ma il fatto risale alla settimana scorsa. Proprio giovedì della scorsa settimana, durante una live di Twich, il pilota ha insultato pesantemente Latifi, che si eira presentato nella live. “Latifi è più vecchio di me, ha pagato per arrivare lì. Ritardato, fo**uto idio*a. Non voglio gente come te nel mio canale, vai fuori. Non è come il calcio, solo perché non sei arrivato in F1 non vuol dire che non sei bravo” ha esclamato. Come se non bastasse, Ticktum ha improvvisato una parodia sulle note della sigla di Scooby-Doo: “Scooby-Doobie Doo Latifi is poo“, che significa “Latifi è una m***a”. Si tratta di una motivazione tanto stupida quanto pesante, che a questi tempi dove i social sono parte fondamentale delle nostre vite, può portare a estreme conseguenze.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

 

Maira Osto

Autrice presso F1inGenerale, mi occupo di Formula 1. Tifosissima di Sebastian Vettel e alfista dalla nascita, possiedo una pagina instagram proprio sulla F1. Seguitemi tutti su @singing.of.engines !