F1 | Todt spinge per la reintroduzione del rifornimento in gara nel 2021

Il presidente FIA Jean Todt ha dichiarato di aver discusso un possibile ritorno in Formula 1 del rifornimento in gara a partire dalla stagione 2021. L’ex ferrarista: “Stiamo analizzando la situazione”. Rifornimento F1

Rifornimento F1
Rifornimento in gara, Renault 2006 – Foto: Car Throttle

Niente più pit stop fulminei da due secondi e mezzo. Niente più fretta nel cambio gomme. Il plausibile ritorno dopo una lunga pausa iniziata nel 2010, quando i vertici dell’azienda ora comandata da Liberty Media approvarono il divieto di riempire nel bel mezzo del cambio gomme il serbatoio della monoposto di carburante sembra poter concretizzarsi tra due anni, nel 2021. In molti, da dieci anni a questa parte, vorrebbero un più spettacolarità nel Mondiale, per accontentarli Jean Todt, ex uomo Ferrari e oggi in veste di presidente FIA potrebbe riportare in voga la pratica del rifornimento.

Il ritorno però dovrà vedersela con alcuni cambi di regolamenti, uno su tutti quello dell’evoluzione dell’aerodinamica che tenderà a semplificare maggiormente le macchine. Todt ha affermato una probabile diminuzione delle dimensioni, riportando i competitors a realizzare monoposto con taniche più piccole rispetto a quelli delle ultime stagioni, somigliando maggiormente ai bolidi dell’era Schumacher – Alonso. Metà anni duemila per intenderci.

Pregi e Difetti

Come ogni novità su questa terra, anche il discorso sul rifornimento presenta due facce della medaglia: uno positivo, l’altro negativo. La notizia buona è quella di un “Amarcord”, un ritorno ai vecchi fasti, dei rifornimenti ed un conseguente (non si sa di quanto) incremento dell’intrattenimento. La notizia cattiva consiste oltre che al rialzo dei costi all’aumento dei pesi previsto dai futuri regolamenti per le case costruttrici.

Stiamo analizzando la situazione. Cerchiamo di capire cosa significherebbe reintrodurre i rifornimenti. Avremo auto più piccole e più leggere in partenza.

Jean Todt, Presidente FIA – Foto: Tutti i diritti riservati

Il capo della FIA sarebbe disposto a ritornare ai tempi passati, dove la Formula 1 era pericolosa e “vera” ma soprattutto lasciava incollati ai televisori migliaia e migliaia di appassionati, facendoci saltare di gioia o piangere dalla rabbia. Anche perché il momento del pit stop, che in queste ultime stagioni è diventato il momento chiave per vincere la corsa, ci regalerebbe con il “carico di benzina” al box istanti più o meno drammatici che ricorderemo a lungo, vedi Jos Verstappen avvolto tra le fiamme nella sua Benetton in Germania oppure Felipe Massa, quando a Marina Bay nel 2008 uscì dai box con ancora il bocchettone della benzina ancora attaccato.

 

Problemi economici

Riguardo alla situazione economica di un ritorno al rifornimento, Todt sembra lanciare una piccola frecciatina a coloro che sostengono un maggior risparmio del denaro nelle competizioni: “Quando vedo gli enormi Motorhome non penso che ci siano problemi economici per reintrodurre il rifornimeto.”

Seguici anche su Instagram

F1 | GP Silverstone – Il venerdì della Haas: Grosjean “È stato imbarazzante”

Rifornimento F1

Marco Passoni

Progettato nel 1997, fotografo e studente di Comunicazione, Media e Pubblicità alla IULM. Ho sempre voluto lavorare nel mondo della Formula 1 sin da bambino e spero un giorno di arrivarci come responsabile comunicazione o marketing. Instagram: @marcopasso18