F1 | Toto Wolff si arrende a Ferrari e Renault sul congelamento dei motori: “Non credo accadrà”

Toto Wolff ha ammesso che con due costruttori di F1, come Ferrari e Renault, contrari al congelamento dei motori dal 2022, la regola non potrà essere applicata, mostrando preoccupazione per la situazione Red Bull-Honda.

formula one f1 monaco monte carlo red bull team principal christian horner mercedes toto wolff ferrari mattia binotto renault abiteboul congelamento motori 2022
credits: El Confidencial

Il Team Principal della Mercedes, Toto Wolff, ha ammesso che con due costruttori come Ferrari e Renault contrari al congelamento dei motori di F1 a partire dal 2022, la regola non potrà essere applicata, mostrando preoccupazione per la situazione in casa Red Bull-Honda.

La notizia di qualche settimana fa dell’addio di Honda al termine del 2021 aveva messo in allarme la Red Bull e tutto il mondo della F1. Il team austriaco ha proposto agli avversari e alla FIA il congelamento delle power unit a partire dal 2022. In questo modo in Red Bull avrebbero potuto continuare ad utilizzare i propulsori Honda anche negli anni a seguire,;senza bisogno dei dispendiosi aggiornamenti che le power unit odierne necessitano.

Come vi abbiamo riportato qualche ora fa, il Team Principal Renault, accodandosi alle dichiarazioni Ferrari, ha confermato la propria contrarietà al congelamento dei motori a partire dal 2022.

Durante una videochiamata post qualifiche del GP di Imola, Toto Wolff ha ammesso che con due dei costruttori di Power Unit contrari al congelamento,;la regola non potrà essere applicata. Wolff si è mostrato anche preoccupato per la situazione Red Bull, che ora dovrà trovare una via alternativa per il motore dal 2022 in poi.

Le parole di Toto Wolff

Due squadre non sono d’accordo, anzi due dei costruttori di power unit non sono d’accordo, ciò significa che la regola non può essere implementata. Loro avranno i loro motivi per cui si oppongono a questa regola. In Mercedes siamo preoccupati per la situazione di Honda e Red Bull. Renault e Ferrari sono state molto dirette e ferme sulle loro posizioni, quindi sfortunatamente non vedo come questo cosa possa accadere.”

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

F1 | Commissari in mezzo alla pista durante la Safety Car, Stroll rischia di investirli a tutta velocità

Simone Frigerio

Vivo per scrivere, mi nutro di MotoGP e Formula 1