F1| Toto Wolff difende Vettel: “I grandi possono rialzarsi”

Il capo della Mercedes, Toto Wolff, difende Sebastian Vettel e si aspetta il riscatto dopo gli errori commessi nel Gran Premio d’Italia. Toto Wolff non è l’unico a schierarsi con il pilota tedesco, anche Ross Brawn è intervenuto in sua difesa.

Wolff Vettel
fonte F1

Non si placano le critiche nei confronti di Sebastian Vettel dopo il GP di Italia, così il boss della Mercedes, Toto Wolff, ha preso le difese del pilota della Ferrari.

Il week end di Monza non è stato facile per Sebastian Vettel. Il pilota tedesco ha sopportato la frustrazione di perdere in qualifica a Monza durante la farsa della Q3, il che significa che è partito al quarto posto con il compagno di squadra della Ferrari Charles Leclerc in pole position, prima di sfrecciare nei primi giri e colpire la Racing Point di Lance Stroll.

Per questi errori è stato sanzionato con una penalità di 10 secondi che ha effettivamente concluso le sue speranze alla gara di casa della Ferrari, finendo al 13esimo posto (doppiato di un giro), mentre Leclerc vinceva la prima vittoria casalinga dalla Scuderia dal 2010, tenendo dietro le due Mercedes.

La difesa di Toto Wolff

Con Vettel sceso al quinto posto nella classifica di F1, il capo della Mercedes Wolff è venuto in difesa del pilota tedesco e si aspetta che si riprenda dal suo GP di Italia da incubo.

Sto solo dicendo di non scrivere male di lui, perché è un quattro volte campione del mondo e la differenza tra il grande e il buono è che i grandi possono rialzarsi”, ha detto Wolff. “Non ho dubbi che potrà farlo. Ha avuto brutte gare e ora si tratterà della capacità di tornare dove merita di essere. Oggi è un brutto giorno per lui”.

La difesa di Ross Brawn

L’ex capo Ferrari e Mercedes Ross Brawn ha fatto eco alle parole di Wolff, confrontando la situazione attuale di Vettel con il suo ultimo anno alla Red Bull, quando si è trovato a confrontarsi con Daniel Ricciardo nel 2014.

In qualifica, è stato deluso dal suo compagno di squadra alla fine della Q3 e quindi non è stato in grado di fare il giro per ottenere la pole. Tuttavia, quello che è successo in gara è dovuto a lui solo“, ha detto Brawn.

Sebastian ha commesso due errori al settimo giro, girandosi e poi colpendo Stroll e gli errori sembrano ancora peggiori alla luce della doppia vittoria di Leclerc a Spa e Monza. È un fatto inevitabile: non importa chi sia il pilota, indipendentemente da quanto sia armoniosa l’atmosfera nel team, il tuo primo rivale è sempre il tuo compagno di squadra. In una certa misura Sebastian sta sperimentando quello che ha provato alla Red Bull nel suo ultimo anno, nel 2014, quando si è trovato contro Daniel Ricciardo, un giovane che ha un ritmo incredibile”.

Vettel è chiaramente uno dei grandi del nostro sport (non si vincono quattro titoli senza esserlo), ma in questo momento difficile ha davvero bisogno del supporto della squadra per riconquistare la fiducia che sembra mancare in questo momento.”

Segui la nostra pagina Facebook

F1 | Indiscrezioni da Parigi: Michael Schumacher in cura nella capitale francese

 

 

Victoria L.

Lavoro come account in una web agency. Appassionata di Formula 1 e tifosa della Ferrari da quando vidi il Gran Premio di Jerez del 1997.