F1 | Toto Wolff: “La Formula 1 ha bisogno di circuiti con un’anima, non di parcheggi per supermercati”

Toto Wolff ha ammesso di amare circuiti storici che hanno un’anima, come Imola e Mugello, e ha sottolineato come la F1 non abbia bisogno di “enormi parcheggi per supermercati”.

toto wolff mercedes mugello imola portimao circuiti storici classici parcheggi supermercati
SoyMotor

A margine del GP di Emilia Romagna, a Imola, dello scorso fine settimana, Toto Wolff ha parlato dei circuiti storici e con un layout classico, che la F1 ha avuto la fortuna di utilizzare in questa stagione. Il Team Principal della Mercedes ha anche sottolineato come la Formula 1 dovrebbe tornare ad utilizzare la ghiaia nelle vie di fuga.

Ecco le parole di Toto Wolff, raccolte durante una videochiamata alla quale F1inGenerale ha;avuto il piacere di partecipare, dopo le qualifiche del GP di Imola.

Le parole di Toto Wolff

“Sono sempre stato chiaro sul fatto che non sono d’accordo con la direzione che abbiamo preso. Stiamo andando a correre su circuiti che sono degli enormi parcheggi per supermercati. Questi tolgono il fattore pilota e non permettono di mostrare le vere abilità di chi è alla guida. Mi piace molto correre a Imola, mi piace molto correre al Mugello e nelle piste dove se sbagli, lo paghi.”

“Penso che dobbiamo riportare la ghiaia sui circuiti, per assicurarci che chi sbaglia e esce di pista, non puoi ritornarci senza danni alla propria vettura. E penso che probabilmente potremmo adattare la maggior parte dei circuiti a questo tipo di standard. Tuttavia, i circuiti classici e storici avranno sempre un’anima. Dei circuiti di oggi, molti non hanno un anima, ma forse abbiamo solo bisogno di adattare questi circuiti nella maniera che ho descritto. Però alla fine non sono il designer dei circuiti, sto solo dando il mio feedback, da ex pilota quale sono; e basandomi sulle immagini televisive che abbiamo visto al Mugello, Portimao e Imola.”

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

F1 | Commissari in mezzo alla pista durante la Safety Car, Stroll rischia di investirli a tutta velocità

Simone Frigerio

Vivo per scrivere, mi nutro di MotoGP e Formula 1