F1 | Toto Wolff preoccupato per il ritiro di Bottas: “Rischiamo penalità in griglia”

Il Team Principal della Mercedes ha chiarito che Bottas è stato costretto al ritiro per preservare la nuova e ultima power unit, ed evitare penalità in griglia.

toto wolff gp eifel nurburgring ritiro bottas mercedes power unit penalità griglia mguh

Dopo il ritiro al Nurburgring, in Mercedes si spera che Bottas non debba scontare una penalità in griglia nelle prossime gare, dato che il finlandese ha montato una nuova, nonché ultima, power unit nel GP dell’Eifel.

Valtteri Bottas è stato costretto al ritiro nel GP dell’Eifel, al Nurburgring, a causa di un sospetto problema alla MGU-H. La Mercedes aveva montato una nuova power unit su entrambe le vetture per la gara dello scorso fine settimana in Germania. Per Bottas si tratta degli ultimi componenti della power unit utilizzabili, dunque un’eventuale sostituzione di alcuni di essi comporterebbe una penalità di griglia da scontare al prossimo GP del Portogallo.

Durante la nostra intervista post gara di domenica, Toto Wolff ha risposto ad una domanda di un collega sulle motivazioni del ritiro di Bottas.

Le parole del Team Principal Mercedes

“Sembra che sia successo qualcosa all’MGU-H, ma non abbiamo ancora trovato la causa principale. Valtteri è stato costretto a ritirare la macchina, non solo perché non avrebbe fatto punti, ma anche perché non volevamo danneggiare la power unit.”

“Ora è importante capire cosa è realmente accaduto. Abbiamo introdotto nuove power unit proprio questo fine settimana. Mancano ancora sei gare, quindi dobbiamo risolvere il problema se volgiamo evitare penalizzazioni in griglia”.

Il commento dell’ingegnere di pista, Andrew Shovlin

Sembra che si trattasse di un problema di elettronica sulla power unit. Ma stiamo ancora indagando. Non sembra abbia a che fare con l’hardware. Quindi stiamo indagando su questo, e speriamo che non si traduca in una penalità per Valtteri; ma ne sapremo di più soltanto quando arriveremo alla prossima gara, a Portimao“.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

F1 | La FIA risponde alle accuse di Verstappen: ecco perché è stata usata la safety car e non la virtual

 

Simone Frigerio

Vivo per scrivere, mi nutro di MotoGP e Formula 1