F1 | Toto Wolff sul format del weekend da due giorni: “Mi piace, ma non va bene per tutti i circuiti”

Rispondendo a F1inGenerale, Toto Wolff ha parlato del nuovo format da 2 giorni testato dalla F1 ad Imola: “Mi piace, ma dove ci sono tanti spettatori ha più senso il weekend classico.”

toto wolff imola gp emilia romagna f1 weekend 2 due giorni format
thesportsrush.com

A Imola la F1 ha testato un nuovo format di weekend, con soli due giorni in pista, sabato e domenica. Il cambiamento principale è l’unica sessione di Prove Libere prima delle Qualifiche, a differenza delle solite tre.

Durante il weekend del GP di Emilia Romagna abbiamo avuto la possibilità di intervistare Toto Wolff. Il Team Principal Mercedes ha risposto alla nostra domanda sul nuovo format di weekend da 2 giorni per il futuro della F1.

Wolff gradisce la novità, soprattutto in vista di un calendario sempre più ampio. Dall’altra parte però ammette che su certi circuiti, dove il pubblico è il vero protagonista, il format classico da tre giorni, ha più senso.

Il pensiero di Toto Wolff

“Mi piace molto. È così compatto. È necessaria molta adattabilità. Devi portare la macchina subito in una buona posizione, con un buon setup e andare direttamente all’obiettivo. Non c’è molto tempo per analizzare i dati, e stare dietro al simulatore durante la notte. Quindi da questo punto di vista è qualcosa di nuovo, e mi piace.”

“Non penso che funzioni per tutti i circuiti. Penso che ci saranno delle occasioni, si spera di nuovo con molti spettatori, dove fare un evento di tre giorni ha molto più senso. Penso ad esempio a Melbourne, alla quantità di persone presenti lì, e al tipo di contenuto che possiamo fornire attorno a questi circuiti. Quindi non penso sia adatto a tutti i circuiti, e a tutti i weekend, ma mi piace e vediamo come andrà.”

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

F1 | Commissari in mezzo alla pista durante la Safety Car, Stroll rischia di investirli a tutta velocità

f1 weekend due 2 giorni format toto wolff calendario imola formula 1

Simone Frigerio

Vivo per scrivere, mi nutro di MotoGP e Formula 1