Formula 1

F1 | Troppe gare nel calendario 2024, nuove accuse: “Sono preoccupato per i meccanici”

Uno dei piloti di F1 lancia nuove accuse all’affollato calendario 2024.

La stagione 2024 di F1 avrà un calendario molto affollato: ben 24 gare sono previste. Non si era mai nella storia di questo sport.

Il numero alto di Gran Premi è giustificato dall’ingresso della Cina, che torna in calendario dopo la sua cancellazione per via della pandemia, e Imola, che quest’anno è stata annullata dopo le gravi inondazioni in Emilia Romagna.

Credits: XPB Images

Alcuni piloti e team principals hanno espresso la loro preoccupazione per il fitto calendario 2024 di F1. Tra loro Christian Horner, che ha definito la prossima stagione come un regime “brutale” che necessita di miglioramenti in futuro.

L’ultimo ad avanzare timori è Sergio Pérez. Il messicano ha parlato del malumore generale percepito nelle ultime gare, dallo stressante e oltre i limiti Qatar a Las Vegas e Abu Dhabi (due gare da un continente all’altro senza un attimo di respiro).

“Penso che quest’ultima parte della stagione sia stata molto intensa con i viaggi avanti e indietro”, ha affermato il pilota Red Bull a RaceFans.net. “Il numero di gare è decisamente al limite. Non solo per i piloti ma anche per tutti i meccanici in campo”.

La F1 ha cercato di organizzare un calendario per ridurre la quantità di viaggi da un continente all’altro. Per Pérez, però, non basta. “La mia preoccupazione principale riguarda alcuni dei miei meccanici.”

Per il messicano, la Formula 1 deve garantire che ogni evento in calendario regali sì spettacolo, ma deve pensare anche alla salute delle persone coinvolte. In altre parole, lo sport non deve “fare molte gare solo per il gusto di farle”, ha detto.

I piloti hanno sollevato preoccupazioni sul calendario 2024 di F1, e Checo è pronto a chiedere una possibile modifica.

“Ovviamente, è qualcosa che solleveremo per cercare di vedere cosa si può fare”, ha dichiarato. “Probabilmente ora è tardi per il prossimo anno, ma per quello successivo si potrebbe fare.”

Pérez ha ricordato di aver visto persone esauste nell’ultima gara”. Questo è il motivo per cui la federazione deve pensare assolutamente alla salute di tutti. Piloti e personale nei team inclusi.

“E’ qualcosa che dobbiamo prendere molto sul serio perché è importante per lo sport, che i piloti ovviamente continuino ad avere una lunga carriera. Anche il personale, a partire dai meccanici. Vogliamo che abbiano una carriera molto lunga.”

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter