F1 | Ufficiale: Aston Martin richiede la revisione della squalifica di Vettel nel GP d’Ungheria

L’Aston Martin andrà avanti con i suoi sforzi richiedendo la revisione della squalifica di Sebastian Vettel nel Gran Premio d’Ungheria.Aston Martin revisione squalifica

L’Aston Martin andrà avanti con i suoi sforzi richiedendo la revisione della squalifica di Sebastian Vettel nel Gran Premio d’Ungheria. Vettel ha eguagliato il suo miglior risultato della stagione con il secondo posto di domenica. Ma ha perso la posizione quando la sua monoposto non ha superato un’ispezione tecnica. Aston Martin non è stata in grado di fornire il campione di carburante da un litro richiesto. Ciò perché gli steward hanno potuto prelevare solo 300 ml dall’auto. La squadra aveva già avvisato la sua intenzione di protestare contro la decisione domenica. “Dopo il secondo posto in Ungheria, Sebastian Vettel è stato squalificato. Questo perché non è stato possibile prelevare un campione di carburante da un litro dalla sua vettura dopo la gara. Trattasi di un requisito come stabilito nel regolamento tecnico della FIA di Formula Uno”, ha affermato il team in una nota. “Non c’era e non c’è alcun suggerimento che l’auto di Vettel abbia beneficiato di un vantaggio in termini di prestazioni.


Leggi anche

F1 | Bottas più vicino ad Alfa Romeo: in Ungheria riunione con Vasseur


La richiesta di revisione

Aston Martin ha chiesto una revisione della decisione nello stesso modo in cui ha fatto la Red Bull dopo la penalità di Lewis Hamilton per la collisione con Max Verstappen durante il Gran Premio di Gran Bretagna. Affinché abbia luogo una revisione, deve convincere gli steward di poter fornire nuove informazioni rilevanti. “Dal momento che i dati del team indicavano che c’era più di un litro di carburante nell’auto dopo la gara – 1,74 litri secondo i dati – il team si è subito riservato il diritto di ricorso, e ha chiesto un diritto di revisione accanto alla procedura di ricorso, a seguito di aver scoperto nuove prove significative relative alla sanzione che non erano disponibili al momento della decisione degli steward della FIA“, ha affermato.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

 

 

Alessia Malacalza

Classe 2000, aspiro a lavorare nel mondo dello sport. Studio Comunicazione d'impresa e relazioni pubbliche a Milano.