F1 | UFFICIALE: Monza rinnova il contratto fino al 2024

Piazza del Duomo, a Milano, è invasa da tifosi e appassionati della Formula 1 e del Cavallino Rampante, riuniti per festeggiare i 90 anni di Ferrari e dell’ACI. Proprio dall’enorme palco montato nel cuore di Milano arriva l’annuncio da tempo atteso: l’Autodromo Nazionale di Monza ospiterà la F1 fino al 2024.

F1 Monza

L’emozione in diretta F1 Monza

Dopo l’avvicendamento sul palco di tutti i nomi che hanno fatto la storia di Ferrari nella Formula 1 e nel motorsport,. sono proprio Carey e Sticchi Damiani a dare l’annuncio. La notizia era nell’aria da diversi mesi, e tifosi, piloti e addetti ai lavori non riuscivano a immaginare una F1 senza Monza, e una Monza senza F1. La proroga fino al 2024, forte anche degli aiuti economici promessi dalle amministrazioni pubbliche,. regala sicurezza agli appassionati e all’ACI

Il contratto stesso viene presentato sul palco senza ancora alcuna firma. Come anticipato da Sticchi Damiani sui social, era questo l’unico dettaglio a mancare. Gli organizzatori hanno quindi voluto darvi un valore simbolico importante, procedendo all’apposizione delle firme proprio lì,. davanti ai tifosi che hanno fatto e continueranno a fare la storia dell’Autodromo Nazionale. Presente sul palco e naturalmente coinvolto è anche il Sindaco di Monza. Nonostante le difficoltà logistiche dovute dall’ospitare eventi così grandi in una cittadina relativamente piccola, infatti, le amministrazioni locali hanno sempre considerato fondamentale l’apporto del motorsport alla vita della municipalità.

Il Gran Premio d’Italia festeggia così degnamente la sua novantesima edizione (settantesima valevole per il Mondiale di Formula 1), e si assicura una lunga permanenza nei calendari della massima seria.

F1 | Il tempio della velocità: l’anteprima Pirelli del GP Italia


 

mm

Aurora Dell'Agli

Classe 1997, appassionata di motori sin da bambina. Studio Giurisprudenza e nel tempo libero commento e analizzo Formula 1, Formula E e WEC sul blog Instagram @theracingchick.