F1 | Un danno all’ala anteriore determinante per la perdita di ritmo di Stroll in Turchia

La débâcle di Stroll in Turchia, partito dalla pole e arrivato nono, sarebbe stata causata da un danno all’ala anteriore non visibile nel pit-stop.

turchia danno stroll

Il grande sabato del canadese, culminato con la conquista della prima pole position in carriera, non è stato seguito da una gara all’altezza. Molte sono state le difficoltà affrontate nel GP di Turchia da Lance Stroll, che ha concluso in P9 dopo una perdita di ritmo causata da un danno all’ala anteriore.

Il 22enne di Montréal è scattato bene dalla pole ed ha mantenuto agevolmente la leadership della corsa fino al primo pit-stop. Dopo la sosta per montare le intermedie, Stroll ha avuto un notevole calo di ritmo.

La causa sarebbe stato un danno all’alettone anteriore, scoperto dal team solo al rientro della monoposto al parco chiuso. L’evidente frustrazione del canadese alla bandiera a scacchi ha portato Racing Point a chiarire la situazione.

“Lance si è lamentato delle scarse prestazioni delle gomme, del significativo sottosterzo e del graining. Tutto ciò dal 17mo giro in poi“, si legge. “La sosta per un nuovo treno di intermedie nel trentaseiesimo giro non ha risolto i problemi di graining che anzi, sono aumentati”.

Uno dei listelli nella parte inferiore dell’ala anteriore si è allentato, andando ad incastrarsi, causando così una significativa perdita di carico aerodinamico sull’anteriore. Il graining, in questo modo, si è aggravato ancor di più”.

“I dati durante la corsa – continua il comunicato del team – ci confermavano una perdita di carico. Tuttavia i danni non erano visibili nella parte superiore dell’alettone. Non potendo vedere il danno sulla vettura di Stroll, e guardando alle condizioni di bassa aderenza in Turchia, è stato difficile capire se i dati fossero corretti”.

Il danno è stato scoperto solamente dopo la gara, conclude Racing Point.

 

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

F1 | GP Turchia 2020 – Classifica piloti e team: La Ferrari ritorna in lotta per il terzo posto [Round 14/17]

Francesco Rapetti

Aspirante giornalista, studente di Scienze Politiche all'Università di Genova. Appassionato di Formula 1 fin da piccolo.