Formula 1

F1 | Una scelta “folle” ha permesso a Tsunoda di guidare il GP di Abu Dhabi

L’ultima gara della stagione ha visto diversi piloti alternarsi in cima alla colonnina delle posizioni. Tra questi c’è Yuki Tsunoda, che ha condotto il GP di Abu Dhabi grazie ad una scelta folle del suo team.

A ruote ferme è tempo di analizzare quella che è stata la gara migliore dell’anno per il pilota giapponese classe 2000 dell’AlphaTauri. Dopo una qualifica estremamente positiva, conclusa in sesta posizione, la gara di Tsunoda ha evidenziato le sue qualità di guida. Impegnato nelle lotte con Hamilton e Alonso ha fatto le spalle larghe rendendo loro difficile il sorpasso. Ma cosa ha reso possibile tutto ciò? Pare, infatti, che AlphaTauri abbia fatto una scelta “folle” per permettere questa prestazione di Yuki Tsunoda ad Abu Dhabi.

Scelta folle Tsunoda Abu Dhabi
Prove aerodinamiche del nuovo fondo per la AT04 – Crediti: Davide Galli per F1inGenerale. com

Ho dato tutto“, ha esordito Tsunoda nelle interviste post GP dove era presente anche F1inGenerale,Sinceramente non sapevo nemmeno di essere in testa alla gara“.

Sono abbastanza sorpreso. Guardando indietro, nella prima parte di stagione, non avremmo mai pensato di essere in testa ad un GP quest’anno“, ha proseguito il pilota AlphaTauri.

È un grande privilegio e senza lo sforzo della squadra non avremmo potuto raggiungere questo risultato. La quantità di lavoro che hanno fatto in fabbrica quest’anno è stata folle, quasi in ogni gara arrivavamo con aggiornamenti. Se lo meritano“.

Il risultato portato a casa da Tsunoda ha sorpreso gran parte delle squadre presenti. Infatti, tutti gli altri piloti sono stati costretti a fare due soste durante i 58 giri di gara per un degrado più elevato di quello atteso. Storia differente per Tsunoda che ha completato la distanza di gara con una singola sosta, una vera eccezione per il GP di Abu Dhabi.

“Era il piano già prima della partenza, ma sapevamo che sarebbe stato difficile“, ha ammesso sinceramente il pilota giapponese. “Abbiamo ascoltato quello che ci comunicavano le gomme. Il momento chiave è stato il primo stint, dove le gomme hanno bene oltre le aspettative aiutandoci enormemente”.


Leggi anche: F1 | Il pilota non Mercedes che ha stregato Toto Wolff nel GP di Abu Dhabi


Il nuovo fondo dietro le prestazioni di Tsunoda?

Scelta folle Tsunoda Abu Dhabi
Il dettaglio della nuova Floor Edge Wing della AT04 – Crediti: Davide Galli per F1inGenerale.com

Un risultato che porta una ventata d’aria fresca in un team che sta vivendo una rivoluzione interna profonda, anche con l’arrivo di Laurent Mekies nel 2024. Ma cosa ha permesso questo grande step prestazionale? La risposta viene dal nuovo fondo, il settimo di nuova concezione introdotto nella stagione 2023. Questo prefigura gran parte dei concetti che vedremo nella prossima vettura di Faenza. Ma cosa si nasconde sotto di esso? Pare che il nuovo pavimento si sviluppi molto di più nelle tre dimensioni, con una differente gestione dei vortici destinati alla generazione della Downforce.

Inoltre, le differenze sono visibili anche nella parte del marciapiede e dello scivolo iniziale dei canali Venturi. Con la nuova specifica si è ampliato il sottosquadro che ha permesso un maggiore apporto d’aria verso il retrotreno. Flusso che alimenta le beam wing e migliora l’estrazione da sotto la vettura. Nuova è anche la floor edge wing che presenta un vorticatore decisamente più esteso in altezza. Disegno nuovo anche per la lama, ora è più arcuata per curare meglio i vortici presenti in quella zona.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter