F1 | “Valtteri, puoi controllare la macchina di Lewis?”: Bottas si improvvisa ingegnere durante il GP di Silverstone [VIDEO]

In un team radio non mandato in onda, l’ingegnere di Valtteri Bottas chiede al pilota se può avvicinarsi alla macchina di Lewis. Lo scopo? Aiutare il team a capire se la monoposto di Hamilton avesse danni.

In un team radio non mandato in onda, l‘ingegnere di Valtteri Bottas chiede al pilota se può avvicinarsi alla macchina di Lewis. Lo scopo? Aiutare il team a capire se la monoposto di Hamilton avesse danni.

Il finlandese non se la sta passando bene, con il rinnovo di contratto in Mercedes che sembra sempre più lontano. Durante il GP di Gran Bretagna, non solo si è “piegato” agli ordini di scuderia per far passare Hamilton (nettamente più veloce), ma dopo l’incidente di Verstappen, nel mentre che le macchine tornavano in pit lane, il suo ingegnere si è aperto in radio con lui. Gli ha chiesto di avvicinarsi il più possibile a Hamilton per capire se il pilota britannico avesse danni alla macchina. Shovlin ha successivamente affermato che la bandiera rossa ha graziato la gara del pluricampione, che senza quella avrebbe dovuto ritirarsi, lasciando molto probabilmente la vittoria a Leclerc. Questo team radio fa capire molte cose, soprattutto la distanza ormai papabile tra Mercedes e Bottas. Lo stesso Toto Wolff, nelle ultime dichiarazioni, ha fatto intendere di avere già preso una scelta per il prossimo pilota da affiancare a Hamilton. Per ora non ha fatto nomi, ma è molto probabile che sarà Russell a giudare insieme al sette volte campione del mondo nel 2022.


Leggi anche

F1 | Jos Verstappen: “Wolff non mi deve più chiamare”


Il team radio (con traduzione)

BOX: Valtteri puoi affiancarti a Lewis senza passarlo per vedere se c’è qualche parte danneggiata sulla sua macchina?

VB: La parte sinistra

BOX: Pensi che si sia rotto qualcosa sulla parte sinistra?

VB: Onestamente non ho visto tanto ma ci sono delle crepe sull’ala anteriore

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

 

Alessia Malacalza

Classe 2000, aspiro a lavorare nel mondo dello sport. Studio Comunicazione d'impresa e relazioni pubbliche a Milano.