Formula 1

F1 | Vasseur prende posizione sul dibattito Red Bull – VCARB

Dopo l’indagine su Horner, conclusasi con un nulla di fatto, nel paddock tiene ancora banco una questione importante. Dopo le perplessità di alcuni TP, anche Vasseur si è espresso sul dibattito Red Bull – VCARB.

Le collaborazioni in F1 non sono una cosa nuova nel mondo della Formula 1. Da diversi anni vediamo alcune scuderie condividere, previo acquisto, alcune componenti della monoposto. Una tra tutte è la power unit e tutto il retrotreno, tra cambio e trasmissione. Tuttavia, quanto sta accadendo tra Red Bull e VCARB sta generando qualche dibattito, con Vasseur che si è esposto sulla questione.

sintesi fp1 bahrain risultati daniel jricciardo charles leclerc gp 2024 racing bulls vcarb Red Bull Vasseur
Anche Vasseur si è esposto sul dibattito Red Bull VCARB

Il primo a sollevare il dibattito è stato l’amministratore delegato della McLaren, Zack Brown, alimentando i dubbi sulla collaborazione tra le due “sorelle”. Esponendo le sue ragioni, il CEO della McLaren si è detto preoccupato dei vantaggi che potrebbero sorgere da questa sinergia. Per cercare di smorzare le accuse, sia Horner che Mekies hanno difeso e sminuito il rapporto tra le due squadre nella stagione 2024. Durante la sessione di interviste dedicata ai team principal, dove era presente anche F1inGenerale, è stato chiesto a Vasseur un commento sulla questione.


Leggi anche: F1 | Dopo le accuse respinte, Horner rompe il silenzio con le prime dichiarazioni


“Penso che ci siano due punti: Il primo è la proprietà della squadra e il secondo è il regolamento tecnico. Si può immaginare una collaborazione anche se non si è di proprietà della stessa azienda, è possibile”, ha aggiunto in seguito Vasseur.

“C’è un taglio netto nel regolamento e spetta alla FIA decidere se è bianco o nero. Per me è chiaro e finora è sempre stato rispettato”.

Come detto prima, Horner ha difeso la doppia proprietà con l’allusione ai modelli di multi-proprietà nel calcio. E Vasseur, facendo riferimento a questo ha detto: “La proprietà, sicuramente si può immaginare la situazione estrema del calcio e della Champions League, per esempio. Tuttavia, dobbiamo anche ricordare che tre o quattro anni fa eravamo molto contenti che la Red Bull fosse lì a finanziare una squadra quando noi eravamo in difficoltà”.

Seguici in diretta questa sera sul nostro canale LIVE


Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter