Alessia M. Formula 1
    Pubblicato il 19 Aprile, 2021 alle 14:16

F1 | Verstappen da record: entra nella top 11 di piloti che hanno vinto almeno un Gran Premio in più stagioni consecutive

Hamilton non è più l’unico uomo dei record in Formula 1: Max Verstappen diventa l’11esimo pilota ad aver vinto almeno un Gran Premio in più stagioni consecutive.

credits: Twitter

Max Verstappen, con la vittoria di Ieri al Gran Premio di Imola, raggiunge un record stratosferico. Entra a far parte della top 11 di piloti che hanno vinto almeno un Gran Premio in più stagioni consecutive: 6. Pari merito con un altro grande pilota ancora in corsa: Sebastian Vettel, che ha ottenuto questo riconoscimento tra il 2008 e il 2013. Più in alto, al primo posto pari merito con il grande Schumacher, troviamo Sir Lewis Hamilton, con 15 (2007-2021).

Alcune delle vittorie più belle di Max Verstappen

Gran Premio di Spagna, 2016.

Il GP di Spagna 2016 potrebbe essere considerata la vittoria più famosa di Verstappen. Promosso nel team senior della Red Bull in vista di questa gara, Verstappen si è adattato immediatamente e si è qualificato quarto per il suo debutto dietro al compagno di squadra Daniel Ricciardo. Le Red Bull hanno poi gareggiato al primo e al secondo posto dopo il primo giro, perché il pilota della Mercedes Nico Rosberg e il compagno di squadra Lewis Hamilton si sono scontrati, uscendo di pista. La gara è diventata una lotta per la vittoria tra Red Bull e Ferrari, con Ricciardo in testa nella sfida del primo team, fino a quando ha avuto problemi al pit stop e una successiva foratura. Verstappen ha mostrato un’eccellente compostezza ed ha eseguito brillantemente i suoi due stop che hanno portato  alla sua prima vittoria nelle circostanze più sorprendenti.


Leggi anche

F1 | GP Imola – La retromarcia di Hamilton è contro il regolamento? No, Michael Masi spiega il perché


Gran Premio dell’Austria, 2019.

Nella prestazione probabilmente più esuberante nella carriera dell’olandese, Verstappen si è reso la vita più difficile in Austria nel 2019 con una terribile qualifica che gli ha portato via la prima fila nella griglia di partenza. Ottimo il recupero di Verstappen dalla settima posizione durante la gara. La vittoria non è mai sembrata possibile dato che Leclerc stava facendo un buon lavoro in testa, ma è diventato subito evidente che Verstappen aveva una gomma e un vantaggio in termini di velocità. Leclerc è riuscito a respingere un attacco su per la collina, ma al giro successivo, Verstappen non si è lasciato scappare la possibilità di acciuffare il monegasco. Era ultra-aggressivo, quasi sul traguardo, e non ha dato a Leclerc altra scelta che cedere la posizione (anche se Leclerc ha provato a resistere e ha dovuto lasciare la posizione dopo un contatto leggero). Quel contatto, che ha portato a una serie di polemiche, ha anche portato a una modifica delle regole durante la gara.

Gran Premio di Germania, 2019.

Una gara caotica che pochi piloti avrebbero potuto vincere e quasi tutti, compreso Verstappen, hanno commesso un errore. Il GP di Germania 2019 è stato uno dei più divertenti degli ultimi anni. Verstappen ha inizialmente dovuto riprendersi da un brutto primo giro in cui è sceso dal secondo al quarto posto, con una brutta partenza sul bagnato. Era tornato al terzo posto quando la pista si è asciugata abbastanza da consentire a tutti di passare alle slick, anche se Verstappen ha fatto un giro a 360 gradi uscendo di pista nel settore finale.

credits: Wikipedia

Ma altri commetteranno errori più grandi e che gli costeranno la gara. Hamilton e Leclerc sono, infatti, usciti alla penultima curva: Leclerc si è ritirato e Hamilton ha rotto l’ala anteriore. Verstappen ha superato Bottas ai box durante i momenti di bandiera gialla con annessa safety car ed era già sulla buona strada per la vittoria. Bottas, improvvisamente, è entrato in ritardo in curva 1, ponendo fine alla sua corsa. Non si può dire che questa gara sia stata “regalata” a Verstappen. Tanti hanno commesso degli errori e si trattava di trovare il controllo nel caos. Verstappen lo ha fatto meglio di chiunque altro.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Classe 2000, aspiro a lavorare nel mondo dello sport. Studio Comunicazione d'impresa e relazioni pubbliche a Milano.
Disqus Comments Loading...