F1 | Verstappen elogia Perez: “È un grande compagno di squadra”

Max Verstappen è molto contento del lavoro che sta facendo il suo team-mate Sergio Perez; l’olandese ha esplicitamente espresso la sua volontà nel volerlo ancora come compagno di scuderia.

Verstappen su Perez
Foto: unknown

Il suo inizio di stagione non è stato dei migliori e la maledizione sul secondo pilota Red Bull sembrava aver preso un altro buon pilota, dopo Gasly ed Albon. Il messicano, però, ha iniziato a trovare il giusto feeling con la sua vettura portando risultati molto importanti per il team. Migliorato anche in qualifica, che sembrava essere il suo tallone d’Achille, Sergio Perez ha tutte le carte in regola per meritare quel sedile in Red Bull, e lo sta dimostrando. E’ anche grazie ai suoi risultati se in questo momento la Red Bull resta saldamente al comando della classifica costruttori, con la vittoria in Baku e anche l’ottima prestazione pervenuta al GP di Francia.

In vista del GP di Stiria Max Verstappen ha rilasciato diverse dichiarazioni sul suo compagno di squadra: “Tutto sta andando davvero bene! Certo, conoscevo Checo prima, ma non come compagno di squadra quindi, ovviamente, è sempre un po’ diverso. Penso che finora è stato grandioso. E’ un grande compagno di squadra e, di sicuro, vorrei che continuasse:” L’olandese si è anche espresso sulla sfida con Mercedes e di quanto sarà importante l’aiuto del suo compagno: “Adesso abbiamo l’auto per poter combatterli davvero. Naturalmente sarà molto importante essere lassù con entrambe le vetture, come abbiamo fatto in Baku e in Francia.”


Leggi anche: F1 | Hamilton sul GP di Silverstone: “Sarà bello avere il pubblico ma sono preoccupato per i contagi”


Anche Perez, in risposta, ha elogiato il suo compagno di squadra e attuale leader del mondiale per la sua ottima guida in pista. Il legame tra i due cresce sempre di più e ora la Red Bull può finalmente lottare con entrambi i piloti per la conquista del titolo mondiale.

Seguici anche su Instagram

Michele Guacci

Un classe 2003 appassionato di F1 sin da piccolo e cresciuto con il duello Alonso-Vettel.