F1 | Verstappen-Ocon: L’olandese affidato ai servizi sociali FIA

Max Verstappen ed Esteban Ocon sono stati chiamati dai commissari al termine della gara per parlare dell’episodio violento avvenuto nel garage FIA. Il pilota olandese è stato giudicato colpevole e condannato a due giornate da spendere in lavori socialmente utili. Verstappen penalità

Il pilota della Red Bull è stato subito indagato ai sensi dell’articolo 12.1.1.c del Codice Sportivo della FIA che vieta “atti pregiudizievoli per gli interessi di qualsiasi concorrente o per gli interessi del motorsport in generale”.

La decisione dei commissari

I commissari hanno esaminato i video dalle telecamere CCTV della FIA e ascoltato il pilota della monoposto 33 (Max Verstappen), il pilota della monoposto 31 (Esteban Ocon) e i rappresentanti della squadra.

Max Verstappen, finita la gara, è entrato nel Garage per le procedure di peso della FIA con l’intenzione di incontrare Esteban Ocon. Dopo qualche parola, l’olandese ha spinto e colpito diverse volte al petto Esteban Ocon.

I commissari hanno compreso che Max Verstappen era rimasto estremamente deluso dall’incidente in pista durante la gara e;ha accettato le motivazioni del pilota della Force India. L’intento originale di Ocon non era quello di innescare un incidente, ma di sdoppiarsi.

Pur comprendendo le ragioni di Verstappen, i commissari hanno il dovere di agire in modo appropriato per essere un modello di;riferimento per gli altri piloti a tutti i livelli e in tutte le categorie. Verstappen non ha rispettato il regolamento e quindi sarà tenuto a svolgere due;giorni di servizio pubblico sotto la direzione della FIA entro sei mesi dall’incidente. (Penalità ai sensi dell’articolo 12.3.1.c del codice sportivo internazionale FIA).

Comunicato FIA

…in elaborazione…


F1 | GP Brasile – Verstappen furioso: “Ho perso per colpa di un idiota”

Poi. Dopo. Poi. Dopo. 

F1 | Verstappen-Ocon: L’olandese affidato ai servizi sociali FIA
Lascia un voto
mm

Marco Talluto

Ingegnere Gestionale appassionato di Formula 1. Social Media Manager dal 2009 con la voglia di trasmettere la mia passione per il motorsport.