Pubblicato il 2 Ottobre, 2020 alle 15:03

F1 | Verstappen pronto a lasciare Red Bull? Quella clausola di rescissione relativa ad Honda…

L’addio di Honda dalla Formula 1 potrebbe far scattare un effetto domino: sebbene Verstappen abbia firmato fino al 2023, il suo contratto prevede una clausola di rescissione relativa proprio alla partenza di Honda dalla F1. I primi indizi: l’olandese avevo smesso di seguire Red Bull sui social, salvo rimediare soltanto pochi minuti fa.

Max Verstappen Facebook

Il 2022 potrebbe essere un anno di rivoluzioni in casa Red Bull: alla partenza di Honda, annunciata questa mattina dalla casa nipponica, si potrebbe aggiungere un’altra separazione non di poco ponto. Max Verstappen, che ha rinnovato all’inizio di quest’anno fino al 2023 avrebbe la possibilità di lasciare in anticipo la squadra austriaca.

L’importanza di Honda nel contratto di Verstappen

Honda non è un semplice fornitore di motori per il team austriaco: la casa nipponica, oltre ad aver investito ingenti somme in pacchetti azionari di Red Bull, gioca un ruolo cruciale nel contratto di Max Verstappen.
L’olandese nel 2020 percepisce uno stipendio di ben 40.000.000 di dollari. Cifre da capogiro, scrivemmo a gennaio, che non potevano essere completamente sostenute da Red Bull. Una parte non precisata dello stipendio di Verstappen è infatti sostenuta proprio da Honda, che ha da sempre creduto nell’immagine e nel talento del giovane olandese.

E la fiducia riposta è reciproca: i legali di Verstappen, infatti, avevano fatto inserire nel contratto un’apposita clausola di rescissione anticipata, che avrebbe permesso;al 23enne di lasciare Red Bull prima del 2023 qualora Honda avesse abbandonato la Formula 1.

“Ci sono alcune clausole di rescissione – commentava Marko qualche mese fa – ma fino a quando avremo un motore competitivo, lui resterà con noi. Abbiamo un contratto con Honda fino al 2021, dovessimo restare senza un motore per il futuro ovviamente i nostri piani si complicherebbero. Ma se tutto andrà nella giusta direzione non ci saranno problemi.”


L’indizio: quello strano comportamento di Verstappen sui social

Non dimenticando che indicatori di questo tipo;possono essere soltanto esaminati come semplici indizi, vale la pena riportare un curioso comportamento tenuto dall’olandese nelle ultime settimane.

Red Bull sapeva già da settimane delle intenzioni di Honda. Ed è proprio due settimane fa che Verstappen, dopo essere stato tradito dal proprio motore Honda sulle colline del Mugello, ha smesso di seguire il profilo ufficiale di Red Bull dai social, pur continuando a seguire AlphaTauri. E questo fino a pochi minuti fa, proprio durante la stesura di;questo articolo: Verstappen ha appena ricominciato a seguire la propria squadra, con tutta probabilità per non destare gli (ovvi) sospetti che un banale “unfollow” comporta.

Sebbene il gesto sia semplice – e per certi versi anche innocuo -, difficilmente cose di questo tipo vengono fatte per caso, sopratutto considerando il significato che ha;acquisito l’unfollow, nella società moderna: svariate celebri coppie che annunciano separazioni proprio con queste modalità.

Una cosa è certa: nel giovedì del prossimo weekend, Verstappen sarà tartassato da numerose domande proprio su questo tema. E con altrettanta certezza si può prevedere che le risposte saranno state già studiate per allontanare l’attenzione dei media da questo topic, che Verstappen voglia restare o meno in Red Bull. Se il matrimonio tra l’olandese e la casa austriaca continuerà effettivamente fino al 2023, lo scopriremo nei prossimi mesi.

Seguici anche su Instagram

F1 | Red Bull commenta la partenza di Honda: “Siamo delusi, cercheremo la miglior soluzione per il 2022”


Studente di giurisprudenza e appassionatissimo fin dall’infanzia di Formula 1. Amo qualunque cosa faccia "bruum"
Disqus Comments Loading...

Questo sito si serve dei cookie di per l'erogazione dei servizi, la personalizzazione degli annunci e l'analisi del traffico.