F1 | Verstappen sul budget cap: “Gli altri team dovrebbero chiudere la bocca”

Max Verstappen afferma che gli altri team rivali dovrebbero tenere “la bocca chiusa” per le accuse rivolte alla Red Bull sull’infrazione del budget cap

Max Verstappen Red Bull budget cap GP Singapore
Fonte: instagram @maxverstappen1

Il paddock della F1, durante il weekend del Gran Premio di Singapore, sta vivendo alcune vicende secondo cui due team hanno violato il budget cap di $145 milioni dello scorso anno, tra cui Red Bull e proprio Max Verstappen si è espresso sulle speculazioni da parte degli altri team.

Anche se non ci sarà alcuna conferma entro mercoledì prossimo, quando la FIA annuncerà i risultati del suo audit finanziario per il 2021, i team hanno suggerito che una delle squadre coinvolte sia proprio la Red Bull.

La squadra di Milton Keynes ha rigorosamente negato di aver speso troppo, proprio con Christian Horner, team principal Red Bull, che ha affermato di essere pronto a prendere in considerazione ulteriori azioni contro Mercedes e Ferrari se non avessero ritirato quelli che secondo lui erano commenti “diffamatori“.

Questa minaccia, liquidata come “rumore” dal team principal Mercedes Toto Wolff, che ha dichiarato che il paddock di F1 sta semplicemente aspettando una risposta finale mercoledì.


Leggi anche: F1 | GP Singapore – Verstappen sul problema benzina: “È incredibilmente frustrante. Avremmo dovuto capirlo prima”


Ma, Max Verstappen, che è sul punto di vincere il suo secondo campionato proprio a Singapore, ha detto di essere tutt’altro che impressionato dall’atteggiamento delle altre squadre.

Alla domanda di Autosport se fosse frustrante per la sua squadra essere al centro dei rumours, Verstappen ha affermato: “So da dove viene, quindi…

Fiducioso che non ci saranno problemi, l’olandese ha aggiunto: “Beh, con quello che ho sentito dalla squadra, sì.

Certo, poi altre squadre iniziano a parlarne mentre non hanno informazioni e lo trovo un po’ sciocco. Tieni solo la bocca chiusa“.

Toto Wolff è rimasto impassibile di fronte alle minacce di Horner su una possibile azione contro la Mercedes, poiché si è detto assolutamente fiducioso che la FIA gestirà tutto nel modo corretto.

È rumore“, ha spiegato. “Alla fine, mercoledì ci sarà un processo. Ci saranno certificati di conformità che verranno emessi o meno. E poi se qualcuno non ha rispettato, c’è un processo e una governance che è in atto.

Per me, sono sicuro al 100% che la FIA farà la cosa giusta. Quindi tutto il resto è chiacchiere, per noi è importante che il budget cap venga rispettato. E’ un caposaldo delle nuove normative. E spero vivamente che tutte le squadre lo abbiano fatto“.

Alla domanda sul rischio che il budget cap verrà minato se le violazioni non saranno trattate in modo rigoroso, Wolff ha detto: “Non ho motivo di dubitare che la FIA non agirà al 100% seguendo la propria governance e i propri regolamenti, perché sanno quanto sia importante per il futuro.

Quindi siamo tutti consapevoli che le normative, siano esse tecniche o sportive, e ora le normative finanziarie, devono essere regolate e vigilate nel modo giusto. Ho fiducia al 100% nel processo e nella FIA. Ed è per questo che tutto il resto è rumore“.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Chiara Russo

Classe 1996, grande appassionata di Formula 1 e MotoGP. Mi piace parlare di sport per trasmettere la mia passione alle altre persone.