F1 | Vettel: “Corro per vincere, non vedo l’ora di iniziare”

Vettel è pronto per la sua nuova avventura con Aston Martin. Il tedesco non vede l’ora di poter provare la macchina nel filming day di domani.

Vettel Aston Martin
Foto: Formula 1 Twitter

Per Vettel e l’Aston Martin è un nuovo inizio. Il campione tedesco dopo sei anni con la Scuderia Ferrari è pronto a ripartire da un team con grandi ambizioni. Aston Martin, dopo aver fallito l’entrata in Formula 1 nei primi anni di storia della categoria, vuole diventare una presenza fissa in F1. L’entusiasmo da ambo le parti è palpabile, il team inglese è entusiasta di essersi assicurato il talento e l’esperienza di Vettel. Il quattro volte campione del mondo è invece contento dell’ambiente che ha trovato e dagli obiettivi che la squadra vuole raggiungere. La prima macchina dell’era Aston Martin, la AMR21, sarà la nuova arma a disposizione di Sebastian Vettel. Per il pilota di Heppenheim sarà la prima volta con un motore Mercedes nella sua carriera in Formula 1.


Sei un quattro volte campione del mondo e hai vinto molto, hai ancora fame di vittoria?

“Certo, non sarei qui. Corro per vincere e ovviamente questo è un progetto molto eccitante. Per me e per il team è un nuovo inizio quindi non vediamo l’ora. Vincere è l’obiettivo principale ma è l’obiettivo di tutti.”

Come pensi di poter aiutare lo sviluppo del team?

“Ho molta esperienza e spero che questo possa aiutare. Penso che noi che guidiamo la macchina possiamo fare da guida. Diamo i nostri feedback su come si comporta la macchina e su cosa ci serve per andare più veloci, è essenziale per il team sapere questo. Questa è una parte chiave del nostro ruolo, andare veloci e ottenere il massimo risultato. Essere parte di un nuovo gruppo è eccitante, aspetto con ansia di poter salire in macchina domani. Inizierò finalmente il mio lavoro in macchina.”

Cosa hai visto nel team?

Potenziale. Penso che il team sia stato molto forte in passato con risorse limitate, ora con le regole che sono leggermente cambiate e il ritorno di Aston Martin penso ci sia un buono spirito nel team. Penso di poter contribuire anche io, condividere questa gioia e questa passione. Le cose belle arriveranno. Fare promesse è difficile ma amiamo questo sport e amiamo la sfida che abbiamo davanti. Per me è un onore far parte di questo brand, appena tornato. Daremo tutto quello che abbiamo.”

Cosa significa per te “Aston Martin”?

Storia, molta storia. Ovviamente è passato molto tempo dall’ultima volta in F1 ma questo aumenta ancor ala voglia di farne parte ora che è tornata. Penso che le macchine siano sempre stati molto eleganti, molto inglesi. Ho molte cose buone da dire sul brand. Il nostro obiettivo è correre e ottenere buoni risultati. Ovviamente godersi anche la guida ma allo stesso tempo rilanciare il brand e esplorare i valori che ci sono dietro. Farlo con stile.”

Cosa ne pensi della nuova AMR21?

“Sapere qualcosa ora è molto difficile. Ci sono molti dettagli tecnici ma non l’abbiamo ancora guidata. Per questo non vedo l’ora sia domani per guidarla per la prima volta. Sarebbe meglio farmi questa domanda dopo averla provata ma per ora penso sia bella. Il colore è fantastico, è unico. Penso che già da or asia una delle più belle auto sulla griglia. Non vedo l’ora di sapere cosa si prova a guidarla.”

Come è stata la tua pausa e come è stato chiudere il tuo ultimo capitolo?

Non ho avuto una buona stagione lo scorso anno, è stata difficile. Ma verso la fine pensavo molto ai progetti futuri. C’è stato un po’ di tempo tra la fine e l’inizio ma nella mia testa ero già pronto. Ho iniziato ufficialmente il primo dell’anno, ho avuto il mio premo meeting con il team. Da quel momento ho cercato di abituarmi perché ogni team opera in maniera differente. Questo ha avuto molto spazio nell’inverno ma mi sono anche potuto godere la famiglia e i miei figli. Ovviamente non siamo andati da nessuna parte ma ho amato tanto stare a casa, ricaricare le batterie e tenermi in forma.”

Curva del mondiale preferita?

“Suzuka, è il mio tracciato preferito perché ci sono molte curve. Il primo settore è una combinazione di curve, è la pista dove vuoi davvero sentire i limiti della macchina. Ci sono curve veloci che si seguono e ti senti davvero vivo. Non so dire quale sia la mia preferita ma è sicuramente la mia serie di curve preferita.”

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

F1 | La nuova Aston Martin: ecco le prime foto della AMR21 di Vettel e Stroll

 

mm

Giada Di Somma

Appassionata di motori da sempre. Studio comunicazione a Roma e spero di poter rendere la mia passione un lavoro.