F1 | Vettel: “Marchionne mi disse ‘Costruiamo qualcosa insieme’, Arrivabene incompreso”

Sebastian Vettel, prossimo a lasciare la Ferrari, ha parlato dei due leader della sua era in Ferrari Maurizio Arrivabene e Sergio Marchionne in un’intervista al Corriere della Sera. Vettel Marchionne

Vettel Marchionne

L’avventura di Sebastian Vettel sta per giungere al termine, chiudendo di fatto un ciclo che ha visto 14 vittorie per il tedesco e due secondi posti finali, segno di sconfitta. Vettel Marchionne

In un’intervista per il Corriere della Sera il campione ex Red Bull ha parlato dei due capi che hanno guidato la Ferrari nella sua avventura in rosso.

Parlando di Marchionne, si sofferma sulla telefonata che gli fece e sul suo carattere: “Sergio Marchionne al telefono: ‘Perché non costruiamo qualcosa insieme, le va di aiutarci a riportare la Ferrari a vincere?’. Gli dissi di sì. Era un uomo molto potente, a volte impetuoso, aveva tanta influenza anche sulla F1. Non era un tipo facile, con lui era difficile discutere. Ma tutti lo rispettavano. La sua scomparsa è stata uno choc per noi”.

Queste invece le sue considerazioni su Maurizio Arrivabene, Team Principal Ferrari dal 2015 al 2018: “Da fuori non è stato compreso, ha avuto un ruolo molto importante nel rilancio. Mi sono trovato subito bene con lui, nonostante alcune difficoltà. Fra noi c’era fiducia, ha affrontato periodi complicati. È dura essere team principal quando sei vicino all’obiettivo e poi non lo raggiungi. Ho imparato molto da Maurizio”.

Vettel ha infine ricordato la sua prima uscita al volante di una Ferrari, in quel caso la F2012 che fu di Alonso e Massa: “Il 29 novembre del 2014, a Fiorano. Ero emozionato, ma anche concentrato sul programma intenso. Avevo già girato lì con la Toro Rosso, ma con la Rossa cambia tutto. Non lo dimenticherò mai. C’era tanta speranza. Anche da parte mia. Sin da bambino il Cavallino era un mito, grazie all’eredità di Michael”.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

F1 | Sebastian Vettel: “Non incolpo Ferrari se non abbiamo vinto. La macchina migliore? Nel 2017”

 

Emanuele Zullo

Classe 2005, vivo a Napoli dove frequento il liceo linguistico. Adoro qualsiasi cosa abbia quattro ruote e spero di trasformare la mia passione in lavoro.