F1 | Vettel sulla rimozione del DRS: “Interessante vedere come si svilupperebbero le gare”

Il pilota tedesco Sebastian Vettel parla di una possibile ipotesi sulla rimozione del DRS in futuro, permettendo maggiore azione in pista.

Sebastian Vettel 2022
Sebastian Vettel Aston Martin 2022, da automotorinews.it

Il pilota tedesco dell’Aston Martin, Sebastian Vettel parla di un’ipotesi piuttosto interessante per la Formula 1: la possibilità della rimozione del DRS. L’anno del 2022 è stato un anno di grandi cambiamenti per la Formula 1, con un ulteriore modellamento delle monoposto e le numerose modifiche effettuate ai regolamenti. Come abbiamo potuto constatare, le modifiche sono state più che soddisfacenti, permettendo maggiore azione in pista, e aumentando il livello di intrattenimento.

A confermare la teoria oggi è Sebastian Vettel, che mostra il suo punto di vista sulla possibile rimozione del DRS. Secondo il pilota tedesco infatti, questo aggiornamento permetterebbe maggiore azione in pista, nonché una lotta ‘ad armi pari’.

“Io credo che c’è minore distanza, e minore resistenza aerodinamica. Credo che ultimamente contiamo molto di più sul DRS rispetto al passato. La cosa interessante sarebbe vedere la rimozione del DRS e come la gara si sviluppa in seguito. Se si fosse in grado di effettuare sorpassi con più facilità rispetto al passato” continua.


Leggi anche: F1 | Binotto: “Importante il rinnovo tra Ferrari e Mission Winnow”


In seguito, Sebastian Vettel parla del dispositivo di riduzione aerodinamica guardando indietro nel tempo. Il pilota tedesco parla infatti, di come il DRS fosse nato inizialmente come un sistema di ‘aiuto’ per un sorpasso più sicuro e semplificato. A differenza di oggi, e di come il DRS sia utilizzato come unico sistema in grado di permettere il sorpasso in pista, forse con un implicito riferimento al Gran Premio di Imola.

“Mi mostro abbastanza cauto per il DRS, perché quello che era inizialmente nato come un aiuto per effettuare i sorpassi, ora è diventato l’unica cosa che permette effettivamente di farli. Certamente abbiamo un nuovo regolamento che ci permette di seguire e gareggiare senza DRS. Si sa, il DRS non c’è stato per 70 anni. E’ stato introdotto 10 anni fa per aiutare, come un esperimento” conclude.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter