F1 | Vettel sulla squalifica in Ungheria: “Molto amara, non abbiamo guadagnato nulla”

Sebastian Vettel torna sulla squalifica che gli ha tolto il podio in Ungheria, accettando la amara decisione che però “non sarà cancellata dalla memoria”. 

Vettel Ungheria

Sebastian Vettel è tornato a parlare della sua squalifica al Gran Premio d’Ungheria in occasione della conferenza stampa del giovedì in Belgio. Il pilota tedesco concluse la rocambolesca gara a Budapest al secondo posto dopo un vano inseguimento sul vincitore Esteban Ocon durato tutta la gara. Per l’ex Red Bull e Ferrari si sarebbe trattato del secondo podio dopo quello ottenuto al Gran Premio d’Azerbaijan.

Vettel non ha completato il giro di rientro, parcheggiando la sua AMR21 in pista e tornando ai box per celebrare il podio a piedi. Al termine della gara è stato rivelato dai commissari che sulla vettura #5 non c’era abbastanza carburante. La decisione è arrivata in tarda serata in quanto Aston Martin era convinta che in realtà ci fossero ulteriori 1,44 litri in macchina da aggiungere ai soli 0,30 litri che la FIA era riuscita ad estrarre. Il team inglese ha poi effettuato richiesta di appello, senza però avere successo.


Leggi anche: F1 | Vettel sotto investigazione per la maglia LGBT: “Ah sì? Squalificatemi!”


In conferenza stampa a Spa, Vettel è tornato sull’episodio: “Le regole sono regole, immagino. Non sapevamo di avere un problema ad essere onesti. Quando abbiamo controllato, la benzina non era nell’auto e siamo stati squalificati, ma credevamo ci fosse. Non so se per il futuro ci possa essere una maniera migliore per gestire la situazione, ma non c’era molto altro da fare. Per cui è molto amara, primo perché non credo abbiamo tratto vantaggio, secondo perché non c’era alcuna intenzione. Deve essere successo qualcosa in gara: una perdita, o semplicemente il carburante non c’era più”. 

“Guardando indietro penso che sia chiaro che le regole sono così come sono e quindi siamo stati squalificati. Guardando avanti è stato molto amaro e l’ho capito trovandomi nella situazione ed essendo stato io a soffrirne. Non auguri che accada a nessuno e probabilmente dovrebbe esserci una maggiore tolleranza. Però cosa va scritto nero su bianco, non so, tocca ad altre persone. Ero sul podio: viene cancellato dai libri, ma non dalla memoria. Quello che fa più male sono i punti persi su cui non conteremo a fine anno.” conclude Vettel.

Vettel è quindi scivolato al dodicesimo posto in classifica piloti con 30 punti, mentre l’Aston Martin ha accusato il colpo scalando al settimo posto nei costruttori perdendo leggermente il contatto da Alpine e AlphaTauri.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

F1 | Bottas e Russell tacciono sul loro futuro: “Nessuna news da darvi in queste settimane”

Emanuele Zullo

Classe 2005, vivo a Napoli dove frequento il liceo linguistico. Adoro qualsiasi cosa abbia quattro ruote e spero di trasformare la mia passione in lavoro.