F1 | Vettel sull’addio alla Ferrari: “Non ho provato a convincere Binotto a continuare”

In una recente intervista Sebastian Vettel è tornato a parlare dell’addio alla Ferrari, raccontando anche le aspettative per la nuova avventura in Aston Martin.

vettel addio ferrari

L’addio alla Ferrari è arrivato, per Sebastian Vettel, quasi come un fulmine a ciel sereno durante la pausa della F1 forzata dalla pandemia. Lo stesso tedesco ha più volte raccontato la sorpresa provata alla telefonata di Binotto.

Il quattro volte del mondo Sebastian Vettel è tornato, in un’intervista a Racer, a parlare dell’addio alla Ferrari. “Non ho bisogno di capire la decisione della Ferrari”, ha detto il tedesco, per me non cambia nulla”.


“Accetto pienamente la decisione. Quando Mattia Binotto mi ha chiamato al telefono è stato chiaro, non ho cercato di convincerlo ad andare avanti insieme, confida l’ormai ex ferrarista.

Il neo-alfiere di Aston Martin continua così: Penso che per una porta che si chiude ce ne sia una che si apre. Mi sono preso un po’ di tempo per decidere del mio futuro, e scegliere che porta aprire”.

“Questo non significa che avessi offerte da tutti, ma solamente che volessi capire bene cosa volevo fare. Alla fine ho scelto questa nuova avventura in Aston Martin”.

Ma per quanto vedremo ancora il 33enne di Heppenheim nel Circus? “Non mi vedo in F1 a 40 anni”, ha risposto Vettel. “Correrò più o meno altri due anni”.

Infine, l’ex Red Bull ha confidato che non avrà per sempre il rammarico di non aver vinto a Maranello: Vincere con la Ferrari era importante per me. Tuttavia sono certo che non avrò rimorsi per sempre”.

Tutto accade per un motivo e sento di avere imparato molto in questi sei intensi anni. Sono sicuro che l’esperienza accumulata mi tornerà utile sia nella mia carriera in F1 che fuori, ha concluso Sebastian Vettel.

 

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Intervista ESCLUSIVA a Sergio Sette Camara: “Per me è un sogno poter fare una stagione in Formula E”

Francesco Rapetti

Aspirante giornalista, studente di Scienze Politiche all'Università di Genova. Appassionato di Formula 1 fin da piccolo.