F1 | Vettel sull’incidente Verstappen-Hamilton: “Non è necessario investigare”

Sebastian Vettel crede che non sia necessario revisionare l’incidente Verstappen-Hamilton avvenuto durante lo scorso weekend in Brasile.

vettel incidente verstappen hamilton
Foto: Unknown

Durante il Gp del Brasile Verstappen e Hamilton sono stati protagonisti di un combattimento ruota a ruota. Entrambe le monoposto sono andate fuori dal tracciato in curva 4 e Verstappen è riuscito a mantenere, anche se per poco, la prima posizione. vettel incidente hamilton verstappen

Mercedes nelle ultime ore ha portato ai commissari un richiamo e nella giornata di venerdì sarà rilasciato il verdetto. Per adesso non sappiamo se Verstappen verrà penalizzato oppure no.

Il 4 volte campione del mondo, Sebastian Vettel, ha ammesso di non aver visto l’incidente dal vivo: “Ho rivisto i video, stavano combattendo per la prima posizione nel mondiale, è ovvio che d’ora in avanti ci saranno delle grandi battaglie.”

Mercedes ha usufruito del ‘diritto di revisione’ dicendo di avere delle prove tecniche che non avevano alla fine della gara per cercare di far incorrere Verstappen in una penalità. Vettel ha lasciato un opinione a riguardo: “Non sono coinvolto ma credo che non sia necessario investigare. Il tempo va in una sola direzione quindi che cambia? Credo che non faccia alcuna differenza. Lewis ha corso una grande gara, ha vinto perchè era più veloce.”


Leggi anche: F1 | Verstappen torna sul duello con Hamilton:Se avessi sterzato di più mi sarei potuto girare


Anche Fernando Alonso si è espresso in merito: “Non ho un’opinione precisa perché le cose cambiano da volta a volta. Non dovrebbe succedere nulla adesso. Non so esattamente quanto fosse cattiva la manovra ma, se gli steward hanno deciso che non c’era penalità, non gli sarà data penalità adesso.”

Infine anche l’ex compagno di squadra, Daniel Ricciardo, ha fatto sapere cosa ne pensa: “Non so se la difesa di Max fosse regolare o no, ma a questo punto del campionato cerchi di combattere e provi di tutto pur di rimanere in prima posizione.”

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter