A TCEditorialiFormula 1

F1 | Visa Cash App RB, che imbarazzo per la Formula 1!

L’AlphaTauri diventa Visa Cash App RB e di quella che è stata la Minardi rimane ben poco: un imbarazzo per F1 e Red Bull.

L’AlphaTauri, erede della storica scuderia di F1 Minardi, si chiamerà Visa Cash App RB. Se il team dovesse schierarsi in griglia con questo nome, di cui è francamente difficile trovare un precedente peggiore, sarà piuttosto imbarazzante.

Anzitutto lo sarà per Red Bull. Il team è rimasto orfano di Dietrich Mateschitz ma nutriamo forti dubbi che il fondatore del marchio di lattine avrebbe permesso una simile operazione commerciale.

Visa Cash App RB
Questo il logo con cui il nuovo team Visa Cash App RB correrà in F1?

In una fase in cui la squadra campione del mondo è sotto accusa per i rapporti con il team di Faenza, inserire un diretto riferimento a Red Bull nel nome non è la migliore delle strategie.

La F1 perde credibilità

Ma lo sarà anche per la Formula 1. Stefano Domenicali si ostina a vendere a caro prezzo il glamour della F1 salvo poi lasciare che i team attuino operazioni commerciali alquanto discutibili. Che forse la Formula 1 stia perdendo un po’ di credibilità in sé stessa?

Intendiamoci, la presenza di uno sponsor nel nome di un team è ormai un male necessario. Alcune società sborsano annualmente decine di milioni pur di figurare nella griglia di partenza e su questo si può fare ben poco.


Leggi anche: F1 | Presentazione Ferrari 2024: online e senza tifosi, ma c’è il filming day


Ciò non toglie che così facendo AlphaTauri dirà sostanzialmente addio al legame con l’Italia e con la Minardi per trasformarsi in una sorta di “Red Bull 2”. E non solo. L’affiliazione con Visa ha sostanzialmente detto che i diritti di denominazione sono stati venduti al miglior offerente in sprezzo dell’identità storica del team.

Un vero peccato. E sicuramente non quello che chi lavora nella squadra faentina si merita. E nemmeno la Formula 1, così come i tifosi.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

1 commento

Eroappassionato 20/01/2024 at 16:35

“La F1 perde credibilità”; è dal 2008 in realtà che si sono rivelati di essere quel che sono da sempre…

I commenti sono disabilitati